"
Cinema

Lutto nel mondo del cinema: morta Patricia Millardet, giudice de La Piovra

È lutto nel mondo del cinema. Lunedì 13 aprile è morta Patricia Millardet, celebre attrice francese, presso l’ospedale San Camillo di Roma. Qui era stata ricoverata nel corso degli ultimi giorni. La donna, 63 anni compiuti lo scorso 24 marzo, ha avuto una crisi cardiaca che le è stata fatale. Nata a Mont-de-Marsan, nella regione della Nuova Aquitania, nel 1957, l’attrice era particolarmente famosa e amata nel nostro Paese. La sua notorietà era dovuta, in particolar modo, all’aver interpretato il ruolo del giudice Silvia Conti ne La Piovra, dal 1989 al 2001. Proprio per via di questo legame con l’Italia, aveva deciso di trasferirvisi negli anni Ottanta: viveva nella sua dimora a Castel Gandolfo.

Il debutto di Patricia Millardet

Sebbene la sua notorietà in Italia sia dovuta in particolar modo a La Piovra – nella quale ha interpretato l’incorruttibile magistrato Silvia Conti – la carriera cinematografica e televisiva di Patricia Millardet è decisamente più ricca. Uno delle sue prime apparizioni sul grande schermo è avvenuta nel film Il tempo delle mele 2, in cui ha lavorato come comparsa. L’attrice debuttò poi nel cinema italiano nel 1987 recitando ne Il cespuglio delle bacche velenose, per la regia di Gianni Lepre. Nello stesso anno è apparsa anche in Assicurazione sulla morte, mentre in parallelo ha continuato a lavorare per il cinema francese, recitando in Cinématon e in Couple.

Il ruolo ne La Piovra

Dopodiché per Patricia Millardet è arrivato il successo. Nel 1989 ha debuttato ne La Piovra 4, per la regia di Luigi Perelli, dove ha vestito i panni del magistrato Silvia Conti. Un ruolo che avrebbe poi mantenuto per altri 12 anni, recitando in nei capitoli 5, 6, 7 e 10 della miniserie televisiva. Non solo: l’attrice francese ha poi preso parte, dal 2002 al 2003, al cast de Il bello delle donne. Nella serie televisiva le era stato affidato il ruolo di Angelina Brusa, avvocato sempre pronto a difendere i deboli.

Back to top button
Privacy