lunedì, Giugno 1, 2020

Ultmissimi

I migliori 10 film di moda da vedere almeno una volta nella vita

Quando la moda incontra il cinema non può che nascere un binomio vincente. In questo periodo, che ci troviamo più spesso a casa, possiamo approfittarne...

I Perturbazione: “Siamo testardi, ma come il diesel non abbiamo fretta” [INTERVISTA ESCLUSIVA]

Possono fregiarsi del bizzarro titolo di alfieri della ripartenza in campo musicale, i Perturbazione. La storica band di Rivoli ha tenuto pazientemente in canna...

Morte George Floyd: da Lady Gaga a Jay-Z, il supporto delle star USA

Prende piede in USA la protesta scatenatasi in seguito all'ennesimo sopruso di polizia ai danni di cittadini afroamericani, questa volta conclusosi con la morte...

Elisa, cover di Luca Carboni per I Love My Radio: di cosa si tratta

E' Elisa in persona ad aprire in grande stile l'estate dedicata all'iniziativa I Love My Radio. La rassegna e iniziativa celebrativa ha visto la...

Lutto nel mondo dell’arte: addio a Germano Celant, critico e fondatore dell’Arte Povera

Il mondo dell’arte contemporanea piange Germano Celant. Il noto critico d’arte e curatore si è spento oggi all’età di 80 anni, a seguito di complicazioni dovute al coronavirus, molto probabilmente contratto durante un viaggio di lavoro negli Stati Uniti. Ricoverato da circa un mese all’ospedale San Raffaele di Milano, lascia la moglie Paris Murray e il figlio Argento Celant.

Nato nel 1940 a Genova, Celant era conosciuto a livello internazionale per aver fondato nel 1967 l’Arte Povera, un movimento artistico in polemica con l’arte tradizionale e basato sull’uso di materiali di recupero come la terra, il legno, gli stracci e gli scarti industriali, per esempio.

La prima, storica mostra dedicata a questo movimento ebbe luogo nello stesso anno alla Galleria Bertesca a Genova; lì esposero Alighiero Boetti, Luciano Fabro, Jannis Kounellis, Giulio Paolini, Pino Pascali ed Emilio Prini. Celant delineò la teoria dell’Arte Povera anche tramite numerosi testi pubblicati su diverse riviste e giornali del settore, tra le quali ricordiamo Flash Art.

Il mondo dell’arte piange Germano Celant

Al 1977 risale la sua collaborazione con il museo Guggenheim di New York in qualità di senior curator. Nel 1994 allestì sempre per l’istituzione americana la mostra Italian Metamorphosis 1943-1968, nella quale tentò di avvicinare l’arte italiana alla cultura americana. Poi si susseguirono una lunga serie di mostre innovative e da lui curate per altri importanti musei italiani e stranieri, tra cui il Centre Pompidou di Parigi (1981), la Royal Academy of Arts di Londra (1989) e Palazzo Grassi a Venezia (1989).

Nel 1989 è stato nominato direttore della 47ima edizione della Biennale d’Arte di Venezia. Collaboratore di note riviste fra le quali L’Espresso, Celant, dopo aver realizzato a Genova la grande mostra Arti & Architettura (2004), fu direttore della Fondazione Prada a Milano e curatore della Fondazione Vedova a Venezia. Inoltre organizzò la mostra Art & Food alla Triennale di Milano, in occasione di Expo 2015.

Latest Posts

I migliori 10 film di moda da vedere almeno una volta nella vita

Quando la moda incontra il cinema non può che nascere un binomio vincente. In questo periodo, che ci troviamo più spesso a casa, possiamo approfittarne...

I Perturbazione: “Siamo testardi, ma come il diesel non abbiamo fretta” [INTERVISTA ESCLUSIVA]

Possono fregiarsi del bizzarro titolo di alfieri della ripartenza in campo musicale, i Perturbazione. La storica band di Rivoli ha tenuto pazientemente in canna...

Morte George Floyd: da Lady Gaga a Jay-Z, il supporto delle star USA

Prende piede in USA la protesta scatenatasi in seguito all'ennesimo sopruso di polizia ai danni di cittadini afroamericani, questa volta conclusosi con la morte...

Elisa, cover di Luca Carboni per I Love My Radio: di cosa si tratta

E' Elisa in persona ad aprire in grande stile l'estate dedicata all'iniziativa I Love My Radio. La rassegna e iniziativa celebrativa ha visto la...

Da non Perdere

I migliori 10 film di moda da vedere almeno una volta nella vita

Quando la moda incontra il cinema non può che nascere un binomio vincente. In questo periodo, che ci troviamo più spesso a casa, possiamo approfittarne...

I Perturbazione: “Siamo testardi, ma come il diesel non abbiamo fretta” [INTERVISTA ESCLUSIVA]

Possono fregiarsi del bizzarro titolo di alfieri della ripartenza in campo musicale, i Perturbazione. La storica band di Rivoli ha tenuto pazientemente in canna...

Morte George Floyd: da Lady Gaga a Jay-Z, il supporto delle star USA

Prende piede in USA la protesta scatenatasi in seguito all'ennesimo sopruso di polizia ai danni di cittadini afroamericani, questa volta conclusosi con la morte...

Elisa, cover di Luca Carboni per I Love My Radio: di cosa si tratta

E' Elisa in persona ad aprire in grande stile l'estate dedicata all'iniziativa I Love My Radio. La rassegna e iniziativa celebrativa ha visto la...

Coronavirus, mascherine gratis nelle edicole: si parte dalla Toscana

Da venerdì 5 giugno 2020 le edicole e gli edicolanti potranno distribuire le mascherine gratuite messe a disposizione dalla Regione Toscana per i residenti....
Ads