Pets

Il mistero del cane fantasma: visto grazie alle foto-trappole nascoste [FOTO]

Il mistero del cane fantasma dell’Amazzonia ha appassionato tutti. Si tratta di un mammifero incredibilmente sfuggente e avvistato pochissime volte nell’arco della sua esistenza. Appare con le orecchie corte e si trova nella foresta pluviale amazzonica. Studiato da un gruppo di 50 scienziati è stato immortalato dalle foto trappole, ma pare che nessuno che lo abbia mai visto dal vivo.

Il cane fantasma, pare essere l’unico membro del genere canino Atelocynus e su di lui aleggia un affascinante mistero si dal primo e raro avvistamento. Impossibile definire le sue caratteristiche specifiche poiché pare che nessuno lo abbia mai incontrato di persona. 

Le caratteristiche del cane fantasma

La maggior parte delle informazioni raccolte su questa straordinaria creatura provengono grazie alle immagini raccolte dalle foto trappole. Uno studio pubblicato sulla rivista specializzata Royal Society Open Science, mappa la gamma della specie del cane fantasma e definisce il suo habitat preferito e le sue abitudini. Questa singolare creatura infatti ha ottenuto l’appellativo di ‘fantasma’ solo per il fatto di essere estremamente sfuggente; ma si tratta di un animale molto particolare esistente davvero in natura. È schivo e non si è mai lasciato vedere dal vivo, nemmeno dai ricercatori che lo stanno studiando ormai da anni. Nonostante la maggior parte delle specie canidi, dei lupi e persino dei cani selvatici preferisce cacciare i branchi, il cane dalle orecchie corte (cane fantasma) conduce una vita solitaria e lontana dai luoghi abitati dagli uomini. Proprio per questo motivo risulta essere una delle specie canine meno conosciuta in tutto il mondo. Lo studio dimostra che questa creatura si trova in cinque paesi diversi; questo potrebbe voler dire che ne esistano più esemplari. Ma come precisa il professore a capo della ricerca, è importante conoscere bene tutti i dettagli di questa creatura così da poterlo eventualmente preservare e proteggere.

Correlati

Lascia un commento

Back to top button