CoronavirusPrimo piano

Coronavirus, “miracolo” in Cile: guarita a 111 anni dopo due quarantene

L’epicentro della pandemia di coronavirus, cominciato in Cina, dopo aver attraversato l’Italia e l’Europa si è assestato attualmente nelle Americhe. E mentre negli Stati Uniti si superano le 100mila vittime, la situazione si fa sempre più critica in America Latina. Nelle ultime 24 ore si registra un boom di contagi: 833.493 i casi registrati ufficialmente, pari a una crescita di +35mila. Aumentano purtroppo anche i morti: sono 44.765, per una crescita +1.400.

La Cina “apre” al mondo

Una buona notizia, tuttavia, sfida la paura: in Cile una donna di 111 anni è sopravvissuta al virus. La Cina, intanto, compie il primo passo per sbloccare i collegamenti internazionali: tra gli 8 Paesi da cui potranno arrivare voli charter c’è anche l’Italia. Non gli Stati Uniti. Il tabloid di Pechino Global Times, in base a documenti della Civil aviation administration of China (Caac), spiega che la lista include Giappone, Corea del Sud, Singapore, Francia, Germania, Regno Unito e Svizzera.

Rapporto tesi con gli Usa

Salta appunto all’occhio l’assenza degli Stati Uniti. Del resto le relazioni fra il Dragone e Washington sono sempre più tese. Pechino in ogni caso compie un primo passo verso lo sblocco dei collegamenti internazionali, dopo la stretta decisa a marzo per contenere i contagi di ritorno.

Dramma in Brasile

Altri 1.086 decessi nelle ultime 24 ore si sono verificati in Brasile, superata quota 25mila vittime (25.598) da inizio emergenza. Rispetto alle ultime 24 ore, inoltre, si contano 20.599 nuovi contagi che portano a 411.821 il numero complessivo. Il Brasile è il secondo Paese al mondo, dietro gli Stati Uniti, per casi confermati di Covid-19.

La storia della donna cilena

Nel Sud America martoriato dal virus, una storia piena di speranza arriva dal Cile. Una donna di 111 anni ha sconfitto il Covid-19, dopo che i medici l’hanno sottoposta a doppia quarantena. La vicenda, riferisce il quotidiano Publimetro, riguarda la signora Juana Zúniga (nella foto in alto, tratta dall’account Twitter di SENAMA @SENAMAGOB), dal 2014 nell’Ospizio “Hogar italiano” a Santiago. Il 10 aprile nella struttura si è acceso un focolaio di Coronavirus: 7 dipendenti e 18 ospiti hanno sviluppato il Covid-19. I sanitari hanno posto la signora Juana in isolamento in una stanza con assistenza medico-sanitaria. Senza avere alcun contatto con parenti o conoscenti per due quarantene equivalenti a 28 giorni. Il 10 maggio la donna è guarita, ma la notizia è filtrata solo in queste ultime ore. “A volte sto bene e a volte sto male, a causa degli anni che ho. Prima il tempo passava veloce perché lavoravo”, ha detto ai giornalisti Juana, che fra due mesi compirà 112 anni.

Domenico Coviello

Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze, come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione Internet de “La Nazione”, “Il Giorno” e “Il Resto del Carlino”, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni, sempre su Internet, all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a “City”, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli – Corriere della Sera. Un passaggio alla “Gazzetta dello Sport” a Roma, e al desk del “Corriere Fiorentino”, il dorso toscano del “Corriere della Sera”, poi di nuovo su Internet per il sito di news “FirenzePost”. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma, e da qui l’approdo a “Velvet Mag”. Ha collaborato a “Vanity Fair”.
Back to top button
Privacy