"
Musica

K-Pop, nuovo dramma: è morto Yohan, cantante dei TST

Ennesima tragedia a macchiare il sempre più difficile mondo del K-Pop, l’amatissimo e peculiare genere video-musicale partorito dall’industria sudcoreana e arrivato negli ultimi anni ad uno status di notorietà internazionale. Caratterizzato da produzioni fortemente pop e mainstream, unite ad una cura millimetrica del comparto video e dell’immagine dei suoi idoli, il sottogenere ha recentemente trovato una sua risonanza anche in occidente; una fase di successo mondiale che ha però acceso le luci su una realtà costellata di drammi personali, non ultima delle quali la morte improvvisa, a 28 anni, di Yohan.

Nuova morte misteriosa nel mondo del k-pop sudcoreano: il ventottenne Yoahn della band TST trovato senza vita

Nato nel 1992, il giovane Kim Jeong-hwan, in arte Yohan, era una delle voci della band k-pop dei TST. A bordo del gruppo dal 2017, in questo periodo aveva pubblicato con l’etichetta KJ Music Entertainment due EP e alcuni singoli per il web. L’ultimo periodo di attività per l’organico risale allo scorso gennaio, con il lancio del brano Countdown, seguito dall’inevitabile chiusura dovuta al propagarsi del Covid nella penisola sudcoreana. Da allora, le notizie riguardo Yohan si erano diradate, fino al comunicato rilasciato dalla stessa etichetta di Seul; “Siamo distrutti dal dovervi comunicare la notizia più triste di tutte. Lo scorso 16 giugno il membro dei TST Yohan ci ha lasciati“.

Non sono al momento note le cause del decesso di Yohan, ad alimentare i misteri e le ambiguità che da diversi mesi travolgono ormai regolarmente il mondo del K-pop. Sono stati diversi gli artisti che negli ultimi anni si sono tolti la vita, con una vera e propria escalation lo scorso anno; ben tre ragazzi attivi nell’industria come cantanti si sono infatti suicidati nel 2019, a poca distanza l’uno dall’altro. L’etichetta ha per il momento pregato la stampa di non procedere in illazioni e indagini in merito alla causa di morte di Kim.

LEGGI ANCHE Dalla Corea con furore: il travolgente fenomeno del K-Pop

Back to top button
Privacy