lunedì, Luglio 13, 2020

Ultmissimi

Coronavirus, Trump per la prima volta in pubblico con la mascherina [FOTO]

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha usato per la prima volta in pubblico una mascherina contro il coronavirus. Lo ha fatto visitando...

Italiani in lotta con la bilancia: troppo poco sport, poca frutta e verdura

In Italia si fa troppo poco sport. Si mangia poca frutta e verdura e 4 italiani su 10 sono in perenne lotta con la...

Nino Migliori racconta la “Stragedia” di Ustica in una mostra a Bologna

La strage di Ustica. Quarant'anni dopo A quarant’anni dalla strage di Ustica, la ferita è ancora aperta per coloro che hanno perso i propri cari...

Inter, Conte in bilico: c’è l’ipotesi Allegri

Le relazioni fra l'allenatore dell'Inter, Antonio Conte, e la dirigenza del club nerazzurro si starebbero frantumando. Lo sostengono molti commentatori che in queste ore...

Raffaella Carrà, 77: le gambe delle donne e l’ombelico di un’icona

Tanti auguri Raffaella Carrà! E ammettiamolo, già al “tanti auguri” la metà di noi ha canticchiato con la sua voce “…a chi tanti amanti ha”. Basterebbe questo per omaggiare la Raffaella Nazionale, icona di stile e di personalità, ma oggi che compie 77 anni regaliamoci qualche minuto per ricordare il momento in cui quest’incredibile donna ha iniziato a fare la storia.

77, le gambe delle donne

Le sue non erano certo perfette, ma le gambe della Carrà in RAI erano un’istituzione e valevano un cachet da far impallidire. Merito del modo in cui le muoveva, agili, scattanti, toniche e promiscue. In fondo non è un caso che Raffaella sia nata come ballerina e non come soubrette (formandosi all’Accademia Nazionale di Danza) per poi scoprirsi icona pop, icona gay, icona di stile, icona di Capodanno e d’ogni altra festa, icona e basta. Lunghe, anzi chilometriche, velate appena da una calza nera venti denari e da uno stacco di coscia senza il quale il Tuca Tuca sarebbe stato meno impressionante: 77 le gambe delle donne!, chiama la tombola napoletana. E quelle di Raffaella Carrà, che oggi di candeline ne spegne altrettante 77, sembravano un’autostrada infinita su cui poter ballare “mi piaci, mi piaci, mi piaci, mi piaci, mi pia’...”. Ma è con qualcos’altro che, al sorgere degli anni Settanta, Raffaella ha davvero rivoluzionato il costume della televisione italiana.

70, Ma che scandalo, maestro!

l mio ombelico nudo veniva fuori da un completo studiato da un costumista della Rai, ora non ne ricordo il nome – ha raccontato Raffaella Carrà molti anni dopo, nel 2018, durante una cerimonia all’Auditorium Parco della Musica di Roma – Ma le ragazze d’estate già giravano così, con la pancia scoperta e i pantaloni lunghi. Io non mi sono fatta problemi a farlo vedere in tv. Ero libera. Anche i ‘colpi di testa’ erano il segno della libertà dalla lacca, dalle sovrastrutture, dalla rigidità. Io ero così, senza costrizioni”. 

Nell’autunno del 1970 fu colpo di testa, libertà e scandalo: le bastò scoprire quell’ombelico accanto ad un uomo, il conduttore Corrado Mantoni, durante la messa in onda RAI di Canzonissima. La sigla era “Ma che musica maestro”, il singolo di debutto della Carrà prodotto dalla RCA. “Viva le feste” cantava una giovanissima Carrà muovendo l’ombelico nudo a ritmo ancheggiante. Boom, delirio, follia, inaccettabile. Ma i tempi stavano cambiando e scandalo fece stranamente rima con classifica, successo e dunque soldi: il singolo raggiunse velocemente la vetta e conquistò le 200.000 copie. Stava per nascere una stella.

Tocca-Tocca

Raffaella tornò presto e ancora più carica. Di nuovo con le sue gambe imperfette ma vertiginose, e con un ombelico scoperto che forse qualcuno si aspettava da lei, ma che accompagnato ad un brano erotico e beffardo mandò in tilt l’Italia intera. Era il momento del Tuca Tuca, la creatura geniale costruita addosso a Raffaella da Gianni Boncompagni. Era il momento di un nuovo scandalo, quello definitivo. Stavolta il suo complice fu Enzo Paolo Turchi, ‘vittima sorniona’ di un balletto-duetto che era tutto un tocca-tocca. Lo è tutt’ora: lo usiamo noi giovani per flirtare alle feste e funziona meglio di Beyoncé. All’epoca invece ci fu bisogno dell’intervento di Alberto Sordi, che barattò la sua partecipazione a Canzonissima con il posto di Enzo Paolo Turchi nel balletto insieme a Raffaella. Se lui lo trovava divertente, poteva star bene anche al resto d’Italia, no? Un gesto da maestro che consacrò definitivamente la Carrà, con il benestare del pubblico sbigottito e della rete allarmista. Da qui in poi, ovviamente, è storia.

Latest Posts

Coronavirus, Trump per la prima volta in pubblico con la mascherina [FOTO]

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha usato per la prima volta in pubblico una mascherina contro il coronavirus. Lo ha fatto visitando...

Italiani in lotta con la bilancia: troppo poco sport, poca frutta e verdura

In Italia si fa troppo poco sport. Si mangia poca frutta e verdura e 4 italiani su 10 sono in perenne lotta con la...

Nino Migliori racconta la “Stragedia” di Ustica in una mostra a Bologna

La strage di Ustica. Quarant'anni dopo A quarant’anni dalla strage di Ustica, la ferita è ancora aperta per coloro che hanno perso i propri cari...

Inter, Conte in bilico: c’è l’ipotesi Allegri

Le relazioni fra l'allenatore dell'Inter, Antonio Conte, e la dirigenza del club nerazzurro si starebbero frantumando. Lo sostengono molti commentatori che in queste ore...

Da non Perdere

Coronavirus, Trump per la prima volta in pubblico con la mascherina [FOTO]

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha usato per la prima volta in pubblico una mascherina contro il coronavirus. Lo ha fatto visitando...

Italiani in lotta con la bilancia: troppo poco sport, poca frutta e verdura

In Italia si fa troppo poco sport. Si mangia poca frutta e verdura e 4 italiani su 10 sono in perenne lotta con la...

Nino Migliori racconta la “Stragedia” di Ustica in una mostra a Bologna

La strage di Ustica. Quarant'anni dopo A quarant’anni dalla strage di Ustica, la ferita è ancora aperta per coloro che hanno perso i propri cari...

Inter, Conte in bilico: c’è l’ipotesi Allegri

Le relazioni fra l'allenatore dell'Inter, Antonio Conte, e la dirigenza del club nerazzurro si starebbero frantumando. Lo sostengono molti commentatori che in queste ore...

Coronavirus, Ricciardi lancia l’allarme: “Italiani attenti, siamo troppo rilassati”

"Vedo un grande sbracamento generale". Con questa espressione Walter Ricciardi, consulente del ministo della Salute, Roberto Speranza, e dirigente Oms, bolla il comportamento degli...
Ads