Coronavirus

Bonus baby sitter ai nonni? La ministra Bonetti: “Dobbiamo proteggere gli anziani…”

“Ho preso atto della circolare con cui l’Inps ha esteso il bonus baby sitter anche ai familiari per la cura dei bambini. Resta il fatto che anche in questa fase i nonni devono essere oggetto della nostra massima tutela e proteggere la loro salute era e resta una priorità”.

Con queste parole, rilasciate all’agenzia di stampa Ansa, la ministra per la Famiglia e le Pari opportunità Elena Bonetti (nella foto) commenta la decisione dell’Istituto di previdenza. Una nuova regola sulle conseguenze economiche del coronavirus, appena introdotta, che ha lasciato forse più perplessità che approvazioni.

Bonetti, sin dall’inizio dell’emergenza, ha sottolineato la necessità di preservare i nonni. In quanto anziani e più esposti ai rischi che comporta il contagio del virus. Il contatto con i bambini non è opportuno. Che senso ha, dunque, estendere il bonus baby sitting anche per nonni o zii purché non vivano nella stessa casa del minore del quale si prendono cura?

La circolare numero 73 dell’Inps estende il campo di utilizzo del voucher, di massimo 1.200 euro, per le prestazioni di assistenza e sorveglianza dei figli sotto i 12 anni nel periodo di chiusura della scuola. Una normativa introdotto dal Decreto Rilancio. Questo voucher potrà essere indirizzato anche ai propri familiari.

Occorre però che questi ultimi non siano coabitanti. “In caso di convivenza, pertanto, i familiari sono esclusi dal novero dei soggetti ammessi a svolgere prestazioni di lavoro come baby-sitting remunerate mediante il bonus in argomento”.

Tuttavia, come è noto, fin dall’inizio della pandemia del coronavirus, lo scorso inverno, una delle regole più ribadite riguardava proprio il rapporto da tenere con gli anziani. Si tratta delle categoria di persone più a rischio. E i bambini potrebbero diventare per i nonni inconsapevole strumento di contagio.

Domenico Coviello

Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze, come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione Internet de “La Nazione”, “Il Giorno” e “Il Resto del Carlino”, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni, sempre su Internet, all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a “City”, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli – Corriere della Sera. Un passaggio alla “Gazzetta dello Sport” a Roma, e al desk del “Corriere Fiorentino”, il dorso toscano del “Corriere della Sera”, poi di nuovo su Internet per il sito di news “FirenzePost”. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma, e da qui l’approdo a “Velvet Mag”. Ha collaborato a “Vanity Fair”.
Back to top button
Privacy