domenica, Settembre 27, 2020

Ultmissimi

Intervista a Michelangelo Pistoletto: «Così il virus ci ha messo a nudo» [INTERVISTA]

Per un compleanno speciale, era giusto si pensasse in grande, come del resto è sempre stato nello stile di Galleria Continua. Era il 1990...

Covid, a scuola sulla spiaggia di fronte al mare: l’esperimento in Abruzzo

A lezione di fronte al mare. Con i banchi sulla sabbia, sotto l'ombrellone e gli occhi pieni di azzurro. Questo il primo giorno di...

Coronavirus, allarme dell’Oms: “Rischiamo 2 milioni di morti, bisogna agire subito”

I contagi da coronavirus si stanno moltiplicando in tutta Europa come nei mesi più bui della pandemia. Questa la dura realtà che, secondo l'Organizzazione...

Voglia di pasta: 4 ricette autunnali per cucinarla con gli ortaggi di fine estate

Pasta: la più amata dagli italiani e non solo! A fine estate, con le temperature che si abbassano torna ad essere la prima in...

Gia Carangi, la tragica storia della prima top model rivive con Angelina Jolie

Il mondo della moda dietro la scintillante facciata di glamour e di luccichio, può nascondere a volte storie drammatiche e dolorose. Come quella di Gia Carangi, la prima top model, conosciuta per la sua tragica esistenza, che la porta alla morte all’età di soli 26 anni. La splendida Angelina Jolie, interpreta nel 1998, la storia di questa carismatica ragazza di Filadelpia, nel film “GiaUna donna oltre ogni limite“, in onda attualmente su Sky fino al 30 dicembre 2025. La pellicola, prodotta per il canale HBO, vince ben due Golden Globe, di cui uno proprio la Jolie, e contribuisce a lanciare l’attrice premio Oscar di “Ragazze Interrotte”, come sex symbol mondiale.

Ma qual è la vera storia di Gia Carangi? Velvet Mag ripercorre insieme a voi i momenti di vita salienti della supermodella, protagonista newyorkese della moda anni Ottanta.

 

 

 

 

 

Gia Carangi, da un’infanzia difficile alla conquista del mondo

Gia nasce a Filadelfia il 29 gennaio 1960. Il padre, Joseph Carangi, è un ristoratore figlio di immigrati italiani, la madre, Kathleen Adams, una casalinga irlandese. I genitori si separano quando la piccola ha soli undici anni, a causa delle continue violenze che il padre infligge alla madre. La ragazza rimane a vivere con il papà ed i fratelli e cresce senza riferimenti familiari, assorbendo il clima di dolore. La sua instabilità emotiva la conduce ben presto verso l’irreversibile spirale della tossicodipendenza. Già da adolescente la Carangi manifesta la sua omosessualità, che non viene accettata di buon grado in famiglia. Ma Gia, grazie ai suoi 1,73 cm di fisico statuario, punta tutto sulla carta della bellezza, spinta anche dalla madre. La svolta della sua vita arriva presto. All’età di 16 anni viene notata da un fotografo che porta le sue foto a New York, sulla scrivania dell’agenzia di moda di Wilhelmina Cooper, una guru del settore.

Nel 1978 Gia Carangi arriva a New York e scatta il suo primo servizio per Vogue, per Yves Saint Laurent e per Calvin Klein.

Proprio sul set delle campagne fotografiche incontra Sandy Linter, una make up artist, che diventa la sua compagna. Galeotto è un servizio fotografico in cui Gia posa nuda, dietro una rete metallica, insieme alla Linter. Per Gia Carangi sono gli anni della consacrazione, diventa la prima top model mondiale grazie ai suoi compensi stellari: 100 mila dollari l’anno. Afferma: “Ho iniziato a lavorare con gente ben conosciuta nel settore, molto rapidamente. Io non volevo fare la modella. Lo sono diventata col tempo.

Gia Carangi, cover della top model ph. credits Gia Carangi Official

Gia divienta la musa preferita di importanti fotografi di moda: Francesco Scavullo, Richard Avedon, Chris von Wangenheim. La top model si differenzia per la sua capacità di posare con naturalezza. E’ spontanea non si fa scudo delle classiche pose “standard” ed artefatte, solitamente utilizzate nelle foto moda dell’epoca.

Occhi e capelli neri, forme prorompenti. Una bellezza così diversa dal modello etereo fin ora proposto. Lo stesso Scavullo, nel suo libro Women del 1982, descrive così Gia Carangi: «Non penso mai a lei come una modella, sebbene sia una delle migliori. Il fatto è che lei non si atteggia da modella; non ti dà quello sguardo hot, cool o grazioso; lei spara scintille, non pose». Ed ancora: «Non ho mai conosciuto nessuna così libera e spontanea, in costante cambiamento, mutevole – fotografare lei è come fotografare un flusso di coscienza». La Carangi ottiene la copertina di molte riviste di moda, tra le quali quelle di Vogue e Cosmopolitan. Appare nelle campagne pubblicitarie di Armani, Dior, Versace, Saint Laurent. Tanta è la fama che diviene nota solo con il suo nome di battesimo, Gia. Ma questo strepitoso e veloce successo è solo la facciata di un castello che mano a mano si sgretola inesorabilmente. 

In un’intervista della ABC, un giornalista chiede a Gia Carangi se sia felice del suo successo. La top, indugia, e risponde: “Sì, sono felice“. Non è affatto vero, la Carangi è vittima di se stessa. Fa uso abituale di cocaina e di eroina, una drammatica spirale che marchierà inevitabilmente la sua esistenza.

Nel 1980 l’agente nonché tutor di Gia Carangi, Wilhelmina Cooper, a cui era molto legata, muore. Gia è disperata e da quel momento in poi entra in un baratro segnato dalla dipendenza di droga e da condotte autodistruttive. La tossicodipendenza inizia ad influenzare il suo lavoro. Scavullo ricorda un servizio fotografico con la Carangi: “Piangeva, non riusciva a trovare le sue droghe. Dovetti letteralmente sdraiarla sul suo letto finché non si addormentò.” Ben presto le lunghe braccia di Gia sono segnate da pieghe rosse dovute all’uso degli aghi per iniettarsi l’eroina, che appaiono a volte anche nelle riviste di moda. E’ l’inizio della fine. Le case di moda prendono le distanze da questa giovane e fragile ragazza. Anche l’amata Sandy Linter si allontana.

Gia cambia agenzia e va con la Ford Models, provando a disintossicarsi. Torna a vivere a Filadelfia con la madre ed il patrigno. Il tentativo di recupero non riesce. La droga segnerà per sempre la vita di questo fragile e bellissimo angelo. 

Disperata Gia Carangi si rivolge all’amico Scavullo ed entra a far parte dell’ Elite Model Management. In un’ intervista rilasciata a 20/20 si dichiara fuori dal tunnel della droga. Tiene anche un diario con le sue riflessioni. La sua immagine esterna racconta di una donna forte, ricca e di successo, la realtà è però di gran lunga diversa. Mentre alcuni clienti si rifiutano di lavorare con lei, altri la ingaggiano grazie al suo passato status di top model. Uno dei suoi primi lavori, ma anche l’ultimo di rilievo, è sempre per Francesco Scavullo che la ritrae nella copertina dell’aprile 1982 di Cosmopolitan, un regalo alla modella da parte del fotografo che più di tutti l’aveva supportata e sostenuta. Nel 1983, a soli 23 anni, l’Elite abbandona Gia. Si spegne così la sua carriera strabiliante di modella.

Gia Carangi ultima cover Cosmopolitan, ph. credits Gia Carangi official web site

A causa delle pressioni da parte dei familiari Gia Carangi si sottopone ad un programma di trattamento farmacologico nel 1984. Proprio in questo periodo afferma che la moda, in realtà, era stato più un desiderio di sua madre che il suo.

Durante il periodo in riabilitazione, gli esperti riescono a disintossicarla e al contempo, attraverso vari colloqui mirati, si rendono conto di come Gia Carangi ha subito ogni tipo di sopruso, persino violenze fisiche. I deliri indotti dalla tossicodipendenza portano Gia ad espropriarsi di qualsiasi bene che le appartiene e a rubare ai suoi stessi genitori e amici.

Dopo il trattamento Gia lavora come commessa. Lei che era stata celebrata dai più grandi fotografi internazionali e maison di moda si ritrova di punto in bianco nell’anonimato. Nel 1985 riprende a fare ancora uso di droghe. Lasciato l’appartamento che condivide con la compagna, la Carangi ritorna definitivamente dalla madre e afferma: “Le ragazze sono sempre state un problema per me. Non capisco perché mi ci incasino sempre…”. A tormentarla c’è anche il fatto che molti dei suoi amici ed ex colleghi, muoiono di AIDS.

Nel giugno del 1986 la Carangi è ricoverata in ospedale a causa dell’ARC, la sindrome pre-AIDS. Da lì a pochi giorni muore, per complicanze di una polmonite, vegliata solo dalla madre. A soli 26 anni si spegne un’icona della moda, una delle prime donne famose a morire a causa dell’AIDS. 

Anni dopo Cyndy Crawford, per la somiglianza con la Carangi, viene soprannominata “Baby Gia” ed inizia a collaborare proprio con alcuni fotografi che avevano reso celebre la top model di Filadelpia. Dopo la morte di Gia viene alla luce il movimento “heroin chic“, in cui alcune modelle si auto celebrano come Gia’s Girls. Emulano la sessualità aggressiva di Gia e l’uso dichiarato di droghe. Come accadde con la Carangi, molti nell’ambiente ne incoraggiano, tacitamente, il tipo di condotta, consigliando loro di bucarsi in posti nascosti all’occhio delle fotocamere. 

Nel 1993 Stephen Fried pubblica la biografia di Gia intitolata “A Thing of Beauty”. Nel 2018 Kaia Gerber, la figlia di Cindy Crawford, posa per “Love Magazine” cercando di interpretare Gia, grazie alla sua somiglianza e avvenenza.

Dalla sua morte, Gia viene considerata una super modella lesbica e un’icona, che ha impersonificato lo stile lesbo chic più di un decennio prima che il termine stesso venisse coniato.

“C’è molto di più nell’essere di bell’aspetto oltre al trucco e alla bellezza….c’è molto di più nell’essere una donna così. Quando mi guardo allo specchio, voglio solo piacermi…e se mi piaccio, allora ho un bell’aspetto”. Gia Carangi

 

Leggi anche: COCO CHANEL: UNA VITA LEGGENDARIA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Latest Posts

Intervista a Michelangelo Pistoletto: «Così il virus ci ha messo a nudo» [INTERVISTA]

Per un compleanno speciale, era giusto si pensasse in grande, come del resto è sempre stato nello stile di Galleria Continua. Era il 1990...

Covid, a scuola sulla spiaggia di fronte al mare: l’esperimento in Abruzzo

A lezione di fronte al mare. Con i banchi sulla sabbia, sotto l'ombrellone e gli occhi pieni di azzurro. Questo il primo giorno di...

Coronavirus, allarme dell’Oms: “Rischiamo 2 milioni di morti, bisogna agire subito”

I contagi da coronavirus si stanno moltiplicando in tutta Europa come nei mesi più bui della pandemia. Questa la dura realtà che, secondo l'Organizzazione...

Voglia di pasta: 4 ricette autunnali per cucinarla con gli ortaggi di fine estate

Pasta: la più amata dagli italiani e non solo! A fine estate, con le temperature che si abbassano torna ad essere la prima in...
Ads

Ad