mercoledì, Agosto 12, 2020

Ultmissimi

Putin annuncia il vaccino anti Covid: “L’ho fatto iniettare a mia figlia”

Vladimir Putin ha annunciato che Mosca ha registrato il primo vaccino contro il Covid-19, sviluppato dall'istituto Gamaleya. "Stamattina per la prima volta al mondo...

Kim Kardashian e Kanye West: matrimonio al capolinea?

Se non è la trama della nuova stagione del loro reality show "Al Passo con i Kardashian", è davvero una brutta notizia: Kim Kardashian...

Nicoletta Mantovani si risposa: “Pavarotti è nel mio cuore ma ora ho ritrovato la gioia”

Nicoletta Mantovani si risposa. Convolerà a nozze a settembre, in una chiesa di Bologna. La vedova di Luciano Pavarotti lo annuncia al settimanale Chi,...

Spari davanti alla Casa Bianca: Trump costretto a uscire sotto scorta

Attimi di paura alla Casa Bianca. Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, è stato costretto ad allontanarsi sotto scorta rapidamente. Trump si trovava nella...

Il Covid quattro mesi dopo: l’identikit di chi rischia di più

Uno nuovo studio sul Covid-19 arriva dalla Gran Bretagna. E classifica le persone che hanno un rischio di mortalità più alto, una volta contratto il Coronavirus. La ricerca, pubblicata sulla rivista scientifica Nature si basa sui dati sanitari completi di 17 milioni di adulti in Inghilterra. Fra essi quelli di 10.926 deceduti, dentro e fuori l’ospedale, collegati al virus.

Queste informazioni sono state gestite con OpenSafely. Si tratta di una piattaforma di analisi  sviluppata da Ben Goldacre dell’Università di Oxford e Liam Smeeth del London School of Hygiene and Tropical Medicine.

L’identikit degli scienziati è il seguente: la persone che rischia di più, ed è quindi maggiormente esposta al pericolo di morire – una volta contratto il coronavirus -, è maschio, ultraottantenne. È anche, sempre secondo lo studio, di colore e di condizione disagiata.

I ricercatori inglesi hanno dichiarato che gli uomini avevano una possibilità 1,59 volte maggiore di morire per il Covid-19 rispetto alle donne. Venti volte più alto il tasso di mortalità per le persone con età pari o superiore a 80 anni. Le analisi hanno evidenziato che le persone di colore e sud asiatiche avevano tra 1,68 e l’1,88 di probabilità di decesso in più rispetto ai bianchi. E in generale le persone più svantaggiate.

Per questo, considerate le condizioni mediche pregresse dei dati di 17 milioni di pazienti adulti, si è potuto costatare che anche i fattori sociali sono determinanti e non solo quelli clinici. Nello studio pubblicato su Nature tutte le condizioni mediche preesistenti sono state associate a un maggior rischio di morte correlata al Covid-19. Tra queste l’obesità (in particolare un BMI superiore a 40), diabete, asma grave e malattie respiratorie, cardiache, epatiche, neurologiche e autoimmuni croniche. In maniera minore, ma incidevano negativamente anche il fumo e l’ipertensione.

Latest Posts

Putin annuncia il vaccino anti Covid: “L’ho fatto iniettare a mia figlia”

Vladimir Putin ha annunciato che Mosca ha registrato il primo vaccino contro il Covid-19, sviluppato dall'istituto Gamaleya. "Stamattina per la prima volta al mondo...

Kim Kardashian e Kanye West: matrimonio al capolinea?

Se non è la trama della nuova stagione del loro reality show "Al Passo con i Kardashian", è davvero una brutta notizia: Kim Kardashian...

Nicoletta Mantovani si risposa: “Pavarotti è nel mio cuore ma ora ho ritrovato la gioia”

Nicoletta Mantovani si risposa. Convolerà a nozze a settembre, in una chiesa di Bologna. La vedova di Luciano Pavarotti lo annuncia al settimanale Chi,...

Spari davanti alla Casa Bianca: Trump costretto a uscire sotto scorta

Attimi di paura alla Casa Bianca. Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, è stato costretto ad allontanarsi sotto scorta rapidamente. Trump si trovava nella...
Ads