"
NewsSport

Inter, Conte in bilico: c’è l’ipotesi Allegri

Le relazioni fra l’allenatore dell’Inter, Antonio Conte, e la dirigenza del club nerazzurro si starebbero frantumando. Lo sostengono molti commentatori che in queste ore intravedono non tanto una rottura quanto piuttosto un possibile passo indietro del tecnico pugliese.

L’Inter non si è ripresa benissimo dopo il lockdown, e Conte si è sfogato su un mercato non all’altezza e una rosa secondo lui non abbastanza competitiva. Tuttavia, sostiene Sport Mediaset, l’Inter non ha la minima intenzione di chiudere il rapporto con il mister. E non solo per gli 11 milioni di stipendio da versargli fino al 2022. Il presidente Steven Zhang ha sposato in pieno questo progetto e non ha intenzione di distruggerlo dopo una sola stagione.

Resta da capire cosa farà Conte. Tutto dipenderà dal prossimo mercato. Se non sarà soddisfatto potrebbe pensare di lasciare l’Inter, così come è successo inaspettatamente nel 2014 con la Juventus. Conte ha già dato precise indicazioni alla società. Se si renderà conto che non c’è la volontà o la possibilità di seguirle, è possibile che decida di andarsene.

Cosa succederà a Milano? Massimiliano Allegri potrebbe prendere il posto di Conte come è successo alla Juve. I rapporti con Marotta sono l’indizio più forte a favore della candidatura di Allegri per la panchina nerazzurra. Siamo ancora nel campo delle ipotesi, ma, se dovesse succedere, Allegri entrerebbe nella storia raggiungendo Trapattoni e Zaccheroni nel club degli allenatori che hanno guidato tutte e tre le grandi del nostro calcio.

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button
Privacy