venerdì, Agosto 7, 2020

Ultmissimi

Salute: l’attrice Cora Gasparotti avvia una petizione contro il body shaming

Parte dall’attrice Disney Cora Gasparotti, la petizione “Il mio pensiero è curvy” promossa su Change.org indirizzata al Ministero della Salute in collaborazione con il...

Vacanze d’agosto, 4 italiani su 10 in partenza: rischio caos in autostrada

Comincia l'unico weekend da bollino nero per il traffico intenso dell'estate 2020. Sono più di 4 italiani su 10 che quest'anno hanno scelto il...

“L’uomo può vivere su Marte e sulla Luna”, lo svelano scienziati italiani

È possibile creare colonie umane su Marte e anche sulla Luna? Sì, secondo alcuni ricercatori delle Università di Bologna e Padova citati online dall'agenzia...

Firenze: i segreti della Cupola del Brunelleschi 600 anni dopo

Anniversario importante per Firenze, venerdì 7 agosto. La Cupola del Duomo, di Filippo Brunelleschi, compie 600 anni (foto di Samuele Schirò da Pixabay). Si...

Usa, l’ultima invenzione: si mette al polso e può “guidare” i nostri sogni come nel film Inception

Sembra uscito dalla fantascienza il dispositivo che, come nel film Inception, permette di manipolare i contenuti dei sogni. Si chiama Dormio, riporta online l’Ansa. E si indossa al polso come un guanto carico di sensori. Lo si potrebbe utilizzare per consolidare ricordi e nozioni a fini di apprendimento.

Incubare i sogni

Il risultato, apparso sulla rivista Consciousness and Cognition, il risultato si deve ai ricercatori del Massachusetts Institute of Technology (Mit), guidati dal neuroscienziato Adam Haar Horowitz. Il dispositivo abilita ciò che i ricercatori chiamano “incubazione dei sogni mirata”.

Veglia, sonno e ipnagogia

In sostanza, la gestione di un intervento sulla psiche durante la prima fase del sonno. Quella in cui si sperimenta uno stato al confine tra veglia e sonno chiamato ipnagogia. “Questo stato è instabile, lento, flessibile e divergente”, spiega Horowitz. L’ipnagogia condivide molte delle sensazioni fluide e oniriche del sonno Rem, ma con un’importante differenza. Le persone possono ancora sentire ed elaborare l’audio durante questo stato intermedio, mentre passano dalla veglia al sonno e viceversa.

Riattivazione dei ricordi

Il dispositivo induce i sogni riattivando ricordi specifici proprio grazie a un messaggio audio, come ha dimostrato un esperimento condotto su 49 partecipanti. Quando una persona si addormenta indossando il dispositivo, segnali audio, come “Ricorda di pensare a un albero”, vengono riprodotti tramite un’app associata. Dopo aver fatto ascoltare l’audio, i sensori di Dormio cercano dati fisiologici che segnalano che la persona si è addormentata. A quel punto il sistema la sveglia e le chiede di riferire cosa stava sognando, registrando il resoconto grazie all’app. Questo procedimento viene ripetuto più volte.

Risultati già apprezzabili

Il sistema è ancora in fase di perfezionamento, ma i risultati sperimentali suggeriscono che sembra influenzare con successo i sogni. Quando Dormio ha spinto i partecipanti a pensare a un albero, per esempio, il 67% dei partecipanti ha raccontato di aver fatto sogni riguardanti un albero.

Latest Posts

Salute: l’attrice Cora Gasparotti avvia una petizione contro il body shaming

Parte dall’attrice Disney Cora Gasparotti, la petizione “Il mio pensiero è curvy” promossa su Change.org indirizzata al Ministero della Salute in collaborazione con il...

Vacanze d’agosto, 4 italiani su 10 in partenza: rischio caos in autostrada

Comincia l'unico weekend da bollino nero per il traffico intenso dell'estate 2020. Sono più di 4 italiani su 10 che quest'anno hanno scelto il...

“L’uomo può vivere su Marte e sulla Luna”, lo svelano scienziati italiani

È possibile creare colonie umane su Marte e anche sulla Luna? Sì, secondo alcuni ricercatori delle Università di Bologna e Padova citati online dall'agenzia...

Firenze: i segreti della Cupola del Brunelleschi 600 anni dopo

Anniversario importante per Firenze, venerdì 7 agosto. La Cupola del Duomo, di Filippo Brunelleschi, compie 600 anni (foto di Samuele Schirò da Pixabay). Si...
Ads