martedì, Settembre 22, 2020

Ultmissimi

Va a ruba la crociera in aereo: il volo per guardare dall’alto le meraviglie dell’Australia

In appena 10 minuti la compagnia di bandiera australiana Qantas ha venduto tutti i posti per un volo davvero speciale. A metà ottobre, infatti,...

Referendum Costituzionale 2020, stravince il Sì: come cambia il Parlamento italiano

Scrutinati nella notte fra ieri 21 e oggi 22 settembre i voti in tutte le 61.622 sezioni italiane per il referendum costituzionale. Secondo i...

Giornata dell’Alzheimer: nuove speranze di cura dalla sperimentazione di un farmaco

Nel mondo la malattia di Alzheimer colpisce circa 40 milioni di persone. Solo in Italia vi sono oltre 1,2 milioni di casi di demenza,...

Coronavirus, contagi in forte crescita in Europa: metà Francia è zona rossa

Con più di 13mila contagi in un solo giorno è scattato in Francia un allarme rosso per la diffusione del Covid a macchia d'olio....

Coronavirus Italia, è allarme: “I giovani finiscono in terapia intensiva”

“Abbiamo una graduale ascesa dei numeri, ma soprattutto abbiamo anche persone giovani che stanno entrando nelle terapie intensive“. Con questa affermazione, rilasciata al Corriere della Sera, il coordinatore del Comitato tecnico scientifico (Cts) che affianca il governo nell’emergenza coronavirus, Agostino Miozzo, lancia l’allarme.

I numeri del contagio oggi in Italia

Per la prima volta da settimane i nuovi casi di coronavirus superano i 500 in 24 ore. Sono stati 523 i nuovi casi registrati giovedì 13 agosto, secondo i dati del ministero della Salute, mentre mercoledì 12 erano stati 481. Complessivamente sono 252.235 le persone che hanno contratto il virus in Italia a oggi. In calo invece il numero delle vittime: 6 in più rispetto a mercoledì che portano il totale a 35.225, mentre mercoledì l’incremento era di 10. Tra le regioni solo la Valle d’Aosta non fa registrare nuovi casi mentre i maggiori incrementi si registrano in Veneto (+84), Lombardia (+74), Liguria (+63) e Sicilia (+42).

Nuovi possibili lockdown

“Ricordiamoci che questa è una malattia maledetta – afferma Agostino Miozzo al Corriere della Sera -. Quando colpisce può fare male. Non sta passando la percezione del pericolo e mi preoccupa il senso di onnipotenza dei giovani. Se continua così nuovi divieti saranno inevitabili. L’andamento della curva epidemica ci dice che l’Italia è in movimento e il virus sta viaggiando. Se ci faremo sfuggire nuovi focolai avremo guai seri. Non ce lo possiamo permettere”.

Discoteche aperte? “Un pericolo”

Inoltre, sostiene ancora Miozzo, “tra i nuovi contagiati c’è una quota alta di persone che scoprono di aver ballato troppo e di aver fatto vacanze nel pieno disprezzo delle regole minime che con ossessione continuiamo a raccomandare perché sono le uniche vere terapie protettive. Bisogna intervenire su questo” limitando “gli assembramenti. Nell’ambito del Cts abbiamo sempre avvisato che le discoteche riaperte sarebbero state un pericolo. Continuiamo a lanciare messaggi di educazione, chiediamo di prepararsi a una nuova possibile emergenza, di limitare i danni”.

I nuovi positivi hanno meno di 40 anni

“Se si contagiano molti giovani una quota, seppur minima di essi, si ammala gravemente”, spiega l’epidemiologo Pierluigi Lopalco, capo della task force regionale della Puglia. L’esperto aggiunge che “Cinque pazienti tra i 20 e i 30 anni sono in condizioni critiche”. Come riporta sempre il Corriere, secondo Massimo Antonelli, capo del dipartimento Emergenza-Urgenza del Policlinico Gemelli di Roma e componente del Cts: “L’ultimo bollettino in Italia dà 55 pazienti assistiti con la ventilazione meccanica. Durante i mesi clou dell’epidemia chi veniva ricoverato in Terapia intensiva aveva principalmente tra i 60 e gli 80 anni, oggi la fascia d’età si sta decisamente abbassando.”

Età media più bassa

I nuovi ricoverati in Rianimazione hanno prevalentemente tra i 40 e i 60 anni”. I nuovi positivi — come evidenzia l’Istituto superiore di Sanità — hanno spesso meno di 40 anni. E tra coloro che stanno male e vengono ricoverati anche senza finire in Terapia intensiva, “l’età media adesso è intorno ai 50 anni”, ha aggiunto l’assessore alla Sanità della Lombardia Giulio Gallera.

Latest Posts

Va a ruba la crociera in aereo: il volo per guardare dall’alto le meraviglie dell’Australia

In appena 10 minuti la compagnia di bandiera australiana Qantas ha venduto tutti i posti per un volo davvero speciale. A metà ottobre, infatti,...

Referendum Costituzionale 2020, stravince il Sì: come cambia il Parlamento italiano

Scrutinati nella notte fra ieri 21 e oggi 22 settembre i voti in tutte le 61.622 sezioni italiane per il referendum costituzionale. Secondo i...

Giornata dell’Alzheimer: nuove speranze di cura dalla sperimentazione di un farmaco

Nel mondo la malattia di Alzheimer colpisce circa 40 milioni di persone. Solo in Italia vi sono oltre 1,2 milioni di casi di demenza,...

Coronavirus, contagi in forte crescita in Europa: metà Francia è zona rossa

Con più di 13mila contagi in un solo giorno è scattato in Francia un allarme rosso per la diffusione del Covid a macchia d'olio....
Ads

Ad