martedì, Settembre 22, 2020

Ultmissimi

Va a ruba la crociera in aereo: il volo per guardare dall’alto le meraviglie dell’Australia

In appena 10 minuti la compagnia di bandiera australiana Qantas ha venduto tutti i posti per un volo davvero speciale. A metà ottobre, infatti,...

Referendum Costituzionale 2020, stravince il Sì: come cambia il Parlamento italiano

Scrutinati nella notte fra ieri 21 e oggi 22 settembre i voti in tutte le 61.622 sezioni italiane per il referendum costituzionale. Secondo i...

Giornata dell’Alzheimer: nuove speranze di cura dalla sperimentazione di un farmaco

Nel mondo la malattia di Alzheimer colpisce circa 40 milioni di persone. Solo in Italia vi sono oltre 1,2 milioni di casi di demenza,...

Coronavirus, contagi in forte crescita in Europa: metà Francia è zona rossa

Con più di 13mila contagi in un solo giorno è scattato in Francia un allarme rosso per la diffusione del Covid a macchia d'olio....

Ancona, incendio al porto e odore acre in città: il Comune chiude scuole e parchi

Un vastissimo incendio è divampato poco dopo la mezzanotte ed è durato fino alle prime luci dell’alba di mercoledì 16 settembre nel porto di Ancona (foto in alto, tratta da Twitter, di Arianna Moroni). Per domare il rogo sono dovute intervenire squadre dei vigili del fuoco oltre che da Ancona anche da Macerata e Pesaro con autobotti e autoscale. L’incendio è stato circoscritto, ma le operazioni di spegnimento sono ancora in corso a metà mattina del 16 settembre.

Si sono sentiti anche dei boati, ma non ci sono vittime né feriti. Dal rogo, che si è sviluppato nell’area industriale ex Tubimar e ha coinvolto 20mila metri quadrati di capannoni, si è levata una densa colonna di fumo. Il Comune ha diramato a tutti gli abitanti un avviso chiaro: “Tenete le finestre chiuse e limitate gli spostamenti”. Sul luogo sono intervenuti anche mezzi delle forze dell’ordine, che hanno “cinturato” la zona.

Le fiamme avrebbero distrutto alcuni camion e le strutture dei capannoni interessati, dove potrebbero trovarsi solventi, vernici e altri materiali potenzialmente tossici. Nella zona ci sono una ditta che produce azoto liquido, una centrale elettrica, un impianto di metano. Sul luogo anche mezzi della Protezione civile della Regione Marche e del Comune di Ancona.

L’amministrazione comunale ha chiuso in via precauzionale tutte le scuole di ogni ordine e grado. Così come le università, i parchi e gli impianti sportivi all’aperto. L’alta e densa colonna di fumo è rimasta a lungo visibile da molti chilometri di distanza e un tanfo acre si è sparso per tutta la città. Il prefetto di Ancona, Antonio D’Acunto, ha convocato d’urgenza una riunione per fare il punto della situazione.

La colonna di fumo dell’incendio al porto di Ancona al mattino del 16 settembre (foto Twitter / @Oizaqueensday)

Latest Posts

Va a ruba la crociera in aereo: il volo per guardare dall’alto le meraviglie dell’Australia

In appena 10 minuti la compagnia di bandiera australiana Qantas ha venduto tutti i posti per un volo davvero speciale. A metà ottobre, infatti,...

Referendum Costituzionale 2020, stravince il Sì: come cambia il Parlamento italiano

Scrutinati nella notte fra ieri 21 e oggi 22 settembre i voti in tutte le 61.622 sezioni italiane per il referendum costituzionale. Secondo i...

Giornata dell’Alzheimer: nuove speranze di cura dalla sperimentazione di un farmaco

Nel mondo la malattia di Alzheimer colpisce circa 40 milioni di persone. Solo in Italia vi sono oltre 1,2 milioni di casi di demenza,...

Coronavirus, contagi in forte crescita in Europa: metà Francia è zona rossa

Con più di 13mila contagi in un solo giorno è scattato in Francia un allarme rosso per la diffusione del Covid a macchia d'olio....
Ads

Ad