NewsPrimo pianoSport

Campionessa mondiale: è Arati Saha la donna del Doodle di Google

È dedicato ad Arati Saha, ad 80 anni dalla sua nascita, il Doodle di Google di oggi 24 settembre. Arati Saha è morta nel 1994 all’età di 54 anni.

La donna era una una celebre nuotatrice indiana, nota anche con il nome Arati Gupta. È passata alla storia perché è stata la prima asiatica a nuotare attraverso il Canale della Manica tra Francia e Inghilterra. L’impresa risale al 29 settembre 1959.

Negli anni Quaranta e Cinquanta – spiega ilPost.it – Arati Saha nuotava in vasca su distanze brevi, 100 metri stile libero, 100 metri rana e 200 metri rana. Alle Olimpiadi di Helsinki del 1952, dove fu una delle sole quattro donne indiane presenti, nonché la più giovane della squadra indiana, nuotò i 200 metri rana.

Contemporaneamente all’attività in vasca, dalla fine degli anni Cinquanta Saha incominciò a partecipare a gare di nuoto a lunga distanza nel fiume Gange. Per la sua impresa del settembre del 1959 la campionessa si ispirò al bengalese Brojen Das che l’anno precedente era stato il primo uomo asiatico ad attraversare a nuoto la Manica.

Domenico Coviello

Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze, come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione Internet de “La Nazione”, “Il Giorno” e “Il Resto del Carlino”, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni, sempre su Internet, all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a “City”, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli – Corriere della Sera. Un passaggio alla “Gazzetta dello Sport” a Roma, e al desk del “Corriere Fiorentino”, il dorso toscano del “Corriere della Sera”, poi di nuovo su Internet per il sito di news “FirenzePost”. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma, e da qui l’approdo a “Velvet Mag”. Ha collaborato a “Vanity Fair”.

Correlati

Lascia un commento

Back to top button