CronacaNews

Neve a settembre, brusco calo delle temperature e Alpi imbiancate

Prime nevicate sulle Alpi Piemontesi. Arrivate già da venerdì 25 settembre. Sul Nord Ovest dell’Italia le temperature sono scese sensibilmente ed è apparsa la neve. In particolare, sulle Alte Valli di confine fino ai 1.700-2.000 metri. Si preannuncia un fine settimana di possibili ulteriori fiocchi bianchi sui rilievi.

Imbiancata Sestriere, la neve ha raggiunto anche Prali. È l’effetto dell’aria fredda che si sta riversando sulla pianura Padana, sotto forma di venti di Fohn, associata ai fronti nuvolosi in arrivo sul Piemonte. I venti di Fohn sono secchi e spesso più caldi della massa d’aria preesistente. Quando tali fenomeni si verificano nelle Alpi occidentali le correnti d’aria scendono lungo le vallate alpine. Raggiungono intensità molto forti e possono interessare ampie porzioni di pianura.

Secondo le previsioni di Centro Meteo Piemonte, i fiocchi di neve si spingeranno nelle prossime ore fino a scendere sui 1.000-1.400 metri di quota. Sui settori di confine nord-occidentali del Piemonte, con spolverate possibili su alte valli verso la Francia. Fiocchi più abbondanti sono previsti al di sopra dei 1.500-2.000 metri. Previsti accumuli nell’ordine dei 5-10 centimetri; i fenomeni risulteranno decisamente più abbondanti sui versanti alpini esteri: francesi e svizzeri.

Domenico Coviello

Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze, come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione Internet de “La Nazione”, “Il Giorno” e “Il Resto del Carlino”, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni, sempre su Internet, all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a “City”, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli – Corriere della Sera. Un passaggio alla “Gazzetta dello Sport” a Roma, e al desk del “Corriere Fiorentino”, il dorso toscano del “Corriere della Sera”, poi di nuovo su Internet per il sito di news “FirenzePost”. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma, e da qui l’approdo a “Velvet Mag”. Ha collaborato a “Vanity Fair”.

Correlati

Lascia un commento

Back to top button