CuriositàPets

Il cane laureato in medicina: Moose diventa il primo “dottor Labrador”

Tra i laureati della Virgina Tech è apparso anche un labrador retriever di 8 anni

Avete mai sentito parlare di un cane laureato? No, non è una bufala. Siamo negli Stati Uniti e Moose è davvero un cane dottore: la sua storia è potente ed incredibile. Certo, si tratta sempre di riconoscimenti su misura per gli animali. Ma Moose è comunque un Labrador e si ‘fa chiamare’ Dr Moose. La storia del cane laureato è infatti assolutamente vera; e nonostante faccia sorridere il motivo del titolo accademico al quattro zampe, dietro c’è un retroscena molto toccante.

Moose, il cane laureato negli Stati Uniti d’America

Nei giorni scorsi una notizia ha fatto il giro del mondo, ed facile capire il perché: tra i laureati della Virgina Tech, infatti, è apparso anche un quattro zampe. Durante la cerimonia virtuale del 2020 è sbucato anche un cane laureato in medicina. Moose è un labrador retriever di 8 anni, che ha ricevuto una laurea onoraria per il ruolo svolto al dipartimento di medicina veterinaria.

Il cane infatti, dal 2014, è uno dei quattro animali impiegati nella Pet Therapy all’interno del campus. Negli anni Moose è diventato la mascotte dell’Università: presente agli eventi, alle partite di football e agli orientamenti universitari. Ma ciò che ha reso il quattro zampe un cane laureato è il fatto che svolge la sua efficace funzione terapeutica con studenti che soffrono di traumi, ansie o problemi mentali. Grazie alla sua laurea Moose è diventato uno dei cani più famosi d’America.

Al Virginia Tech sostengono che Moose abbia assistito più di 7500 studenti ottenendo risultati straordinari. Il proprietario del cane, Trent Davis, ha spiegato: “La sua forza è che aiuta tutti, senza giudicarli. E questo i ragazzi e le ragazze lo sentono”. Insomma, Moose non entrerà di certo in una sala operatoria, ma pare che il titolo di ‘dottore’ lo abbia meritato assolutamente.

LEGGI ANCHE: Dalla porta del parrucchiere entra una nutria enorme: succede il panico

Correlati

Lascia un commento

Back to top button