"
Coronavirus

Nuovo Dpcm Conte, zone rosse al via: le attività che restano aperte

Dalle farmacie alle librerie tutti i negozi che non dovranno chiudere

AGGIORNAMENTO ORE 18:52 – Slittano a venerdì 6 novembre le misure restrittive su zone rosse e arancioni.

Nel giorno in cui il governo vara il nuovo Dpcm per la lotta al coronavirus arriva la notizia che anche nelle zone rosse le librerie resteranno aperte. Sì, perché è vero che da domani 5 novembre – e fino al 3 dicembre – scatta la divisione dell’Italia in tre fasce di rischio (rosse, arancioni, verdi). Ma non tutto “chiude”, come si potrebbe pensare. Neppure nelle famigerate zone rosse. A parte il fatto che su tutto il territorio nazionale ci sarà il coprifuoco totale dalle 22 alle 5 del mattino.

Cosa sono le zone rosse

Per zone rosse nel nuovo Dpcm del governo Conte s’intende regioni o parte di esse in cui si riscontra lo scenario 4 di massima gravità per il rischio di contagio da Covid. Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta, Calabria sono fra le regioni che potrebbero da domani rientrare in questa categoria. Tuttavia, se ad esempio un area del territorio nazionale classificata come “arancione” o addirittura “verde” (livello più basso di rischio) dovesse peggiorare nei prossimi giorni, ecco che potrebbe entrare anch’essa a far parte delle zone rosse.

Cosa resta aperto

Nell’ambito delle zone rosse, quindi, scatteranno ampi divieti. Li vediamo fra un attimo. Ecco invece cosa farà eccezione, tanto da restare aperto. Sono chiusi infatti i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari. Restano invece aperti i tabaccai e le edicole. Ma anche le farmacie e le parafarmacie. E, inoltre, i barbieri, le librerie, i parrucchieri e le lavanderie.

Cosa è vietato

Al di là di queste eccezioni nelle zone rosse scatterà una “chiusura” abbastanza netta. Sarà vietato ogni spostamento in entrata, in uscita e all’interno del territorio (salvo che per esigenze lavorative, situazioni di necessità, o per accompagnare i figli a scuola). Saranno chiusi i negozi e le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità (dalla biancheria al sapone). Sospesa l’attività di bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie. Mentre invece resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio, nonché fino alle ore 22 la ristorazione con asporto. Stop alle attività sportive anche svolte nei centri sportivi all’aperto. Si potrà svolgere individualmente attività motoria in prossimità della propria abitazione. Ma ciò dovrà essere fatto nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona e con obbligo di mascherina. Inoltre è consentito lo svolgimento di attività sportiva esclusivamente all’aperto e in forma individuale. Per quanto riguarda la scuola, l’attività scolastica resta in presenza per asili, scuole elementari e prima media.

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button
Privacy