"
Coronavirus

Covid vaccino Pfizer pronto al 90%: “Alla Ue 300 milioni di dosi”

Lo assicura la presidente della Commissione Europa, Ursula Von der Leyen

La Commissione Ue “presto firmerà un contratto con Pfizer e BioNTech per avere fino a 300 milioni di dosi di vaccino anti-Covid”. Lo ha promesso oggi 9 novembre la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen su Twitter. Von der Leyen ha invitato tutti a “continuare a proteggerci a vicenda nel frattempo”. La presidente ha quindi commentato l’annuncio del vaccino da parte delle due aziende: “Ottime notizie sui risultati positivi della loro sperimentazione clinica per un vaccino. La scienza europea funziona”.

Effetti benefici sui pazienti

La notizia è infatti che il vaccino sviluppato congiuntamente da Pfizer e Biontech è risultato efficace al 90% contro l’infezione da Covid-19. Secondo i risultati preliminari, dopo 28 giorni dalla prima dose e 7 dalla seconda i pazienti hanno beneficiato degli effetti della cura. “La prima serie di risultati della nostra fase tre di sperimentazione del vaccino anti Covid-19 fornisce la prova iniziale della capacità nel prevenire il coronavirus” ha dichiarato il presidente e Ceo (amministratore delegato) di Pfizer, Albert Bourla. “È stato fatto un significativo passo avanti nel fornire alle persone di tutto il mondo una svolta necessaria per porre fine a questa crisi sanitaria globale”.

Ma occorre prudenza

Nonostante siano emersi i primi positivi risultati, il vaccino contro il coronavirus di Pfizer e Biontech si trova ancora in fase tre, come detto, ovvero l’ultima prima che i produttori possano presentare una domanda per la sua omologazione. Il colosso farmaceutico Pfizer prevede comunque di produrre entro la fine di quest’anno una quantità di dosi del suo vaccino anti Covid-19 sufficienti a immunizzare dai 15 ai 20 milioni di persone. Lo hanno detto i vertici della casa farmaceutica.

“Notizie incoraggianti”

A commento delle ultime novità riguardanti la corsa alla “panacea” contro tutti i mali del Covid è arrivato anche un post su Facebook del ministro della Salute, Roberto Speranza. “Le notizie di oggi sul vaccino sono incoraggianti. Ma serve ancora tanta prudenza. La ricerca scientifica è la vera chiave per superare l’emergenza. Nel frattempo non dobbiamo mai dimenticare che i comportamenti di ciascuno di noi sono indispensabili per piegare la curva”, ha scritto il titolare della sanità per il governo Conte.

Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button
Privacy