"
CronacaNews

Roma, l’albero di Natale è arrivato in piazza San Pietro

Proviene dalla Slovenia ed è alto quasi 30 metri

Un grande abete rosso troneggia a piazza San Pietro. Roma e il Vaticano hanno da oggi 30 novembre il consueto Albero di Natale in una delle piazze più famose del mondo. Sono cominciati molto presto i lavori di uomini e mezzi tecnici, al mattino di lunedì 30 novembre. L’Albero caratterizzerà, insieme al Presepe, l’allestimento natalizio della Santa Sede per tutti. L’inaugurazione, come annunciato circa un mese fa, avverrà venerdì 11 dicembre alle ore 16.30 – pur con le limitazioni imposte dalla pandemia – in una cerimonia ristretta.

Albero e presepe fino al 10 gennaio

A presiedere la cerimonia saranno il presidente e il Segretario Generale del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano. L’albero e il presepe rimarranno esposti ai visitatori fino al 10 gennaio 2021, Festa del Battesimo del Signore. Come riporta su Vatican News Gabriella Ceraso, stamani una gru ha dunque sollevato il maestoso albero di 28 metri di altezza. La pianta ha un diametro di circa 70 centimetri ed è arrivata da una delle zone più rigogliose della Slovenia: esattamente dal comune di Kočevje, sul fiume Rinža.

E ritorna anche “Spelacchio”

A Roma, inoltre, anche quest’anno ecco “Spelacchio”, l’albero di Natale di Piazza Venezia. È un abete naturale di tipo Abies Nordmanniana, di circa 23 metri di altezza. Lo illumineranno 100mila luci a led. E lo decoreranno 800 sfere in quattro colori: rosso, argento, oro intenso e oro chiaro. A inaugurarlo, come da tradizione, il prossimo 8 dicembre sarà la Sindaca di Roma Virginia Raggi. Il costo di trasporto, installazione e allestimento sarà di circa 140mila euro, a carico di Roma Capitale. “Anche quest’anno torna il nostro Spelacchio, l’albero di Natale di Roma ormai famoso in tutto il mondo – ha dichiarato la sindaca Virginia Raggi -. In questo momento difficile per tutti i cittadini vogliamo che queste luci mantengano accesa la speranza di un Natale sereno ma soprattutto diano la forza a tutti noi per resistere e superare insieme la sfida dell’emergenza sanitaria”.

Photocredits: account Twitter di Vatican News @VaticanNews

Domenico Coviello

Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze, come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione Internet de “La Nazione”, “Il Giorno” e “Il Resto del Carlino”, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni, sempre su Internet, all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a “City”, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli – Corriere della Sera. Un passaggio alla “Gazzetta dello Sport” a Roma, e al desk del “Corriere Fiorentino”, il dorso toscano del “Corriere della Sera”, poi di nuovo su Internet per il sito di news “FirenzePost”. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma, e da qui l’approdo a “Velvet Mag”. Ha collaborato a “Vanity Fair”.
Back to top button