David Bowie rivive con due canzoni inedite: il ritorno del Duca Bianco nel 2021

A cinque anni dalla scomparsa torna nei negozi David Bowie

Due date da segnare nel calendario per i fan di David Bowie, da quasi cinque anni orfani del rivoluzionario artista scomparso nel 2016. E se il 10 di gennaio segnerà l’anniversario proprio da quel fatidico giorno, saranno diversi i motivi per festeggiare l’arrivo di venerdì 8. In occasione del settantaquattresimo compleanno del musicista scomparso, nato a Londra quello stesso giorno nel lontano 1947, i fan potranno celebrare la storica figura del Duca Bianco con ben due brani inediti, finalmente pubblicati e caricati in streaming per l’occasione.

Due cover perdute incise nel 1998 saranno per la prima volta distribuite in streaming e vinile: il ritorno di David Bowie per l’anniversario dalla nascita

David Bowie tornerà dunque ancora una volta in radio e nei negozi, grazie al recupero e al remixaggio di due lavori da tempo dati per dispersi. Si tratta di due cover, precedentemente disponibili solamente in formato bootleg di scarsissima qualità, a fatica reperibile online; in queste settimane, i brani sono stati recuperati e finalmente masterizzati per una distribuzione vera e propria, che avverrà il giorno dell’anniversario dalla nascita. Le canzoni inedite a firma del musicista saranno inoltre disponibili nel formato speciale del vinile a sette pollici; una tiratura limitatissima, concentrata su appena 8147 copie.

Le canzoni recuperate per il grande ritorno di David Bowie a cinque anni dalla scomparsa saranno dunque Mother (inizialmente incisa da John Lennon, altro grande la cui dipartita è stata ricordata in questi giorni) e Trying to get to Heaven (a firma Bob Dylan). Il doppio omaggio ai due grandi miti del musicista risale alle incisioni perdute nel 1998, quando Bowie tornò in studio per lavorare ai due singoli. Il primo era inizialmente destinato ad un progetto commemorativo dell’ex Beatle, poi andato in fumo; il secondo, avrebbe dovuto apparire nell’album LiveandWell.com, prima di finire messo da parte. Assenze importanti nel catalogo dei completisti, ora finalmente pronti a colmarle entrambe.

LEGGI ANCHE Stardust, il film su David Bowie alla Festa di Roma 2020

Exit mobile version