"
Pets

Vaccino anti-Covid anche per gli animali? Al momento non è necessario

Gli esperti chiariscono l'importanza del vaccino anti-Covid anche per gli animali. Ecco quando e se risulterà necessario

Dopo l’arrivo in Italia del vaccino anti-Covid per gli esseri umani, in molti (soprattutto i proprietari di animali domestici) si sono chiesti se anche per i quattro zampe fosse prevista una procedura di vaccinoprofilassi simile. A tal proposito, un report pubblicato sulla rivista scientifica Science ha cercato di dare una spiegazione concreta; una risposta a chiunque si fosse posto l’interrogativo sulla necessità di vaccinare cani, gatti o altri animali domestici contro il Covid-19. L’esigenza di chiarire la questione, nasce anche dal fatto che si sono riscontrati diversi casi di animali contagiati.

Trasmissione e contagio fra animali

William Karesch, vicepresidente esecutivo per la salute e le politiche presso EcoHealth Alliance, ha dichiarato: “SARS-CoV-2 non è mai stato un problema esclusivamente umano. Fin dai primi giorni della pandemia gli animali domestici, il bestiame e la fauna selvatica sono stati oggetto di diverse domande relative alla possibilità di contrarre l’infezione”. Sempre all’interno del report su Science, l’esperto prosegue: “La manifestazione sintomatica della malattia sembra essere lieve o del tutto assente in questi casi“. Tuttavia benché la manifestazione risulti spesso asintomatica è stato riscontrato che gatti e cani possono essere infettati ma che non siano in grado, a loro volta, di contagiare gli esseri umani. Per questo il vaccino anti-Covid per gli animali potrebbe risultare non necessario almeno in una prima fase.

La possibilità di un vaccino anti-Covid

Come chiarisce sempre Karesh: “Cani e gatti non svolgono un ruolo importante nel mantenimento o nella trasmissione della malattia agli esseri umani; per cui non sussiste la necessità di un vaccino per il mantenimento della salute pubblica“. Tuttavia il pericolo per alcune specie risulta più preoccupante rispetto ad altre, le grandi scimmie ad esempio o gli animali in via d’estinzione. Jonathan Epstein, vicepresidente per la scienza e la divulgazione presso EcoHealth, tiene a sottolineare: “Esiste il potenziale che il virus muti nuovamente per tornare alla fauna selvatica“; pertanto l’esperto suggerisce di usare tutte le precauzione del caso quando si interagisce soprattutto con i primati. Alla fine del report pubblicato su Science, Karesh conclude che, qualora dovesse risultare necessario un vaccino anti-Covid per gli animali: “Le risposte immunitarie variano tra le varie specie; per cui bisognerebbe modificare ad hoc il livello di antigene, ma i fondamenti dell’approccio non cambierebbero“.

LEGGI ANCHE: Cani rimasti orfani durante la pandemia: una drammatica realtà al tempo del Covid-19

Francesca Perrone

Messinese trasferita a Roma per gli studi prima in Scienze della Comunicazione Sociale presso l’Università Pontificia Salesiana, con una tesi su “Coco Chanel e la rivoluzione negli abiti femminili“, poi per la specializzazione in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo alla Sapienza. Collabora con l’Agenzia ErregiMedia, curando rassegne stampa nel settore dei rally e dell’automobilismo. La sue passioni più grandi sono la scrittura, la moda e la cultura. Responsabile dei blog di VelvetMAG www.velvetpets.it sulle curiosità del mondo animale e www.biopianeta.it sui temi della tutela dell’ambiente e della sostenibilità.
Back to top button
Privacy