Coronavirus

Covid, il 12 gennaio prime dosi del vaccino Moderna in Italia. Trovato il “paziente zero”: una 25enne col virus a novembre 2019

La ragazza si era sottoposta a biopsia per una dermatosi atipica

Arriverà domani 12 gennaio, con 47mila dosi in consegna, il primo carico di vaccini della casa farmaceutica Moderna destinato all’Italia. Lo stock giungerà a Roma e sarà portato all’Istituto Superiore di Sanità, per poi essere distribuito in alcune Regioni. Per questo primo lotto si sta valutando l’ipotesi di una consegna alle Regioni “virtuose”. Ovvero quelle che in questa fase riescono a smaltire, attraverso un numero elevato di somministrazioni, più rapidamente le dosi. Intanto sta giungendo in queste ore il terzo carico di vaccini Pfizer destinato al nostro Paese. Le consegne proseguiranno anche le prossime ore termineranno entro mercoledì.

Vaccino agli anziani

Si sta valutando la possibilità di indicare ulteriori categorie per questa prima fase della campagna, con la dotazione di dosi Pfizer. Oltre a medici e ospiti delle Rsa, potrebbero partire già in questi giorni – allo scopo di limitare i decessi e gli ingressi in terapia intensiva – le vaccinazioni degli anziani over 80. A seguire, tra le altre categorie, ci sarebbero i docenti e il personale scolastico.

Paziente zero

Notizie in tema di Covid anche sul fronte della ricerca scientifica. È stato trovato il paziente zero italiano: si tratta di una 25enne milanese. La ragazza si era sottoposta a una biopsia della pelle per una dermatosi atipica il 10 novembre 2019. Prima, cioè, del bambino di cui si era documentata la presenza del coronavirus a dicembre 2019. A condurre la ricerca, nata studiando quei casi di infezione in cui c’è un sintomo cutaneo, i ricercatori dell’Università Statale di Milano, guidati da Raffaele Gianotti. La ricerca è apparsa sul British Journal of dermatology, la rivista più rinomata in campo dermatologico. Sulla base dei dati presenti in letteratura mondiale questo è il più antico riscontro della presenza del virus Sars-CoV-2 in un essere umano.

I sintomi della ragazza

“Nel caso della 25enne – ha spiegato Giovanni Fellegara, responsabile del Laboratorio di Anatomia Patologica del Centro Diagnostico Italiano –  è stato possibile dimostrare la presenza di antigeni virali nelle ghiandole sudoripare”. “Abbiamo dimostrato la presenza di sequenze virali Sars-CoV-2, anche quantitativamente scarse, sul preparato istologico del 2019. E anche in sei pazienti del 2020 affetti solo da dermatosi ma senza sintomi sistemici da infezione Covid-19″ aggiunge Massimo Barberis, direttore dell’Unità Clinica di Diagnostica Istopatologica e Molecolare dell’Istituto Europeo di Oncologia. Contattata a posteriori, la paziente zero, che presentava come unico sintomo la dermatosi, ha riferito assenza di sintomi sistemici da infezione da Covid-19. Ma anche la scomparsa delle lesioni cutanee dopo cinque mesi e la positività degli anticorpi anti Sars-CoV-2 nel sangue periferico a giugno 2020.

Domenico Coviello

Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze, come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione Internet de “La Nazione”, “Il Giorno” e “Il Resto del Carlino”, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni, sempre su Internet, all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a “City”, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli – Corriere della Sera. Un passaggio alla “Gazzetta dello Sport” a Roma, e al desk del “Corriere Fiorentino”, il dorso toscano del “Corriere della Sera”, poi di nuovo su Internet per il sito di news “FirenzePost”. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma, e da qui l’approdo a “Velvet Mag”. Ha collaborato a “Vanity Fair”.
Back to top button
Privacy