"
CronacaNewsPrimo piano

Silvio Berlusconi ricoverato in ospedale a Monaco: “Problema cardiaco”

L'ex premier trattenuto su indicazione del suo medico personale Alberto Zangrillo

Silvio Berlusconi è stato ricoverato al Centro cardio toracico di Monaco, ospedale specializzato del Principato. A riferire la notizia è l’agenzia di stampa Ansa. A quanto si apprende, si tratta di esami di routine e il leader di Forza Italia tornerà a casa tra pochi giorni. Tuttavia non manca un po’ di apprensione per le condizioni del Cavaliere, che lo scorso autunno aveva dovuto affrontare anche il coronavirus. E lo aveva superato dopo alcuni giorni non senza fatica. Quando è scattato il ricovero Silvio Berlusconi si trovava a Valbonne, la località vicino a Nizza. È lì, infatti, che il fondatore di Forza Italia ha trascorso anche gran parte del lockdown per il Covid.

Zangrillo: “Era imprudente trasferirlo in Italia”

È stato Alberto Zangrillo, medico di fiducia di Berlusconi a decidere il suo ricovero a Monaco per “un problema cardiaco aritmologico”. “Lunedì – ha spiegato il professore all’agenzia di stampa Ansasono andato d’urgenza dove risiede temporaneamente il presidente, nel Sud della Francia, per un aggravamento”. Il professor Zangrillo, analizzate le condizioni dell’ex premier, ha preso una decisione drastica. “Ho imposto – racconta – il ricovero ospedaliero a Monaco perché non ho ritenuto prudente non affrontare il trasferimento in Italia“.

L’anno scorso il Covid

Nel settembre dello scorso anno, Silvio Berlusconi era risultato positivo al coronavirus, e aveva sviluppato i sintomi del Covid-19. Non si era trattato di una cosa di poco conto. Anzi. Il Cavaliere aveva addirittura subito una polmonite bilaterale. Anche i suoi figli Luigi, Barbara e Marina erano in seguito risultati positivi al virus del Sars-CoV-2. Uscito dal ricovero e dimesso dall’ospedale, Berlusconi aveva parlato della malattia come di una battaglia durissima. Una prova di salute fisica, e sul piano umano, che lo aveva condizionato non poco. Tanto che egli stesso aveva precisato di essere stato in angoscia per figli e nipoti. In quella stessa occasione, nel corso di una conferenza stampa fuori dal nosocomio, l’ex premier aveva invitato i malati a “non lasciarsi andare”.

Domenico Coviello

Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze, come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione Internet de “La Nazione”, “Il Giorno” e “Il Resto del Carlino”, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni, sempre su Internet, all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a “City”, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli – Corriere della Sera. Un passaggio alla “Gazzetta dello Sport” a Roma, e al desk del “Corriere Fiorentino”, il dorso toscano del “Corriere della Sera”, poi di nuovo su Internet per il sito di news “FirenzePost”. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma, e da qui l’approdo a “Velvet Mag”. Ha collaborato a “Vanity Fair”.
Back to top button