"
NewsPoliticaPrimo piano

Crisi di governo, Conte va da Mattarella e rilancia: “È indispensabile un chiarimento”. Ora il premier sfida Renzi: vuole parlare a Camera e Senato

Sarà battaglia dal punto di vista del presidente del Consiglio

Un’altra giornata campale sul fronte della crisi. Il capo del Governo, Giuseppe Conte, ha espresso la sua intenzione di andare al più presto in Parlamento. Lo ha affermato nel corso di un colloquio, nel pomeriggio del 14 gennaio, col presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Quello che Conte cerca è un “indispensabile chiarimento politico”, mediante comunicazioni ai parlamentari, sulla crisi in atto provocata dallo strappo di Renzi. Il presidente del Consiglio, dunque, non solo non sembra volersi dimettere ma ora rilancia e, di fatto, promette battaglia in Aula.

La reazione del Quirinale

Dal canto suo il capo dello Stato “ha preso atto – si legge in un comunicato del Quirinale reso noto anche su Twitter – degli intendimenti così manifestati dal presidente del Consiglio”. E, sempre in un comunicato del Colle, si legge anche del passaggio delle deleghe lasciate dalle ministre dimissionarie renziane. Il presidente della Repubblica “ha firmato il decreto con il quale, su proposta del presidente del Consiglio, vengono accettate le dimissioni rassegnate dalla senatrice Teresa Bellanova dalla carica di ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali”, è scritto. “Il relativo interim è stato assunto dal presidente del Consiglio“. Accettate anche, ovviamente, le dimissioni di Elena Bonetti dalla carica di ministro senza portafoglio e di Ivan Scalfarotto da sottosegretario di Stato agli Esteri.

Il ruolo dei “Responsabili”

La partita della crisi ora si sposta fra Montecitorio e Palazzo Madama. I parlamentari sono pronti a fare le loro mosse. “Quest’aula non è e non può essere indifferente a quanto sta succedendo”, aveva dichiarato in mattinata il presidente della Camera Roberto Fico. E i cosiddetti responsabili? Ovvero la pattuglia che dovrebbe “salvare” con i propri voti la maggioranza di governo rimasta priva dell’appoggio di Italia Viva? Non è ancora chiaro se esitano davvero e cosa intendano fare. Si è parlato di un nucleo che potrebbe formarsi attorno a Clemente Mastella, veterano della politica italiana. Si vedrà presto, in ogni caso.

Il rischio di elezioni anticipate

Secondo molti osservatori, tuttavia, è reale il rischio di elezioni a giugno prossimo. Lo sostengono, riporta l’Ansa, fonti interne al Partito democratico. Ma i Dem, perno della maggioranza pro Conte assieme ai Cinque Stelle, spiegano che non possono andare dietro a rumors su sostegni “esterni” alla coalizione che al momento non si palesano effettivamente. D’altro canto anche ricucire con Italia Viva sembra quasi impossibile. Il M5S ha infatti chiarito che con Renzi non intende più dialogare. Quindi, come in un effetto domino, è l’analisi del Pd, la situazione sta rotolando verso le elezioni anticipate la prossima primavera, prima del “semestre bianco” di Mattarella che scatterà a fine luglio. Quando il capo dello Stato, giunto agli ultimi sei mesi del suo mandato, non avrà più il potere di sciogliere le camere.

Domenico Coviello

Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze, come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione Internet de “La Nazione”, “Il Giorno” e “Il Resto del Carlino”, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni, sempre su Internet, all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a “City”, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli – Corriere della Sera. Un passaggio alla “Gazzetta dello Sport” a Roma, e al desk del “Corriere Fiorentino”, il dorso toscano del “Corriere della Sera”, poi di nuovo su Internet per il sito di news “FirenzePost”. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma, e da qui l’approdo a “Velvet Mag”. Ha collaborato a “Vanity Fair”.
Back to top button