"
Lifestyle & Glamour

I segreti di Lisbona: i musei più originali e sconosciuti

La capitale portoghese non finisce mai di stupire i suoi visitatori. Lisbona offre sempre qualcosa di diverso come ad esempio i musei, alcuni poco conosciuti, davvero interessanti e in più gratuiti.

Lisbona è una delle capitali più sorprendenti d’Europa. È una città in continuo fermento che, negli angoli più innovativi e contemporanei, si veste di avanguardia e creatività. È passionale, sospesa tra vecchio e nuovo con un’anima multiculturale, cambia e si trasforma continuamente. Ex quartieri malfamati che diventano di moda, nuovi musei, nuovi spazi espositivi e grandi infrastrutture. Senza però mai perdere la sua identità.

Casa-Museu Medeiros e Almeida

L’edificio che ospita la Casa-Museo fu costruito da un avvocato di Lisbona, Augusto Vítor dos Santos, nel 1896. L’edificio rimase di proprietà della famiglia Santos fino al 1921, quando fu venduto a Eduardo Guedes de Sousa. Due anni dopo, il nuovo proprietario inserì i due piani superiori secondo un progetto dell’architetto Carlos Rebelo de Andrade. Nel 1927 la casa venne venduta allo Stato del Vaticano. Nel 1943 l’edificio venne acquistato da António Medeiros e Almeida che lo trasformò nella propria abitazione, dove si trasferì dopo lavori di ristrutturazione.

All’inizio degli anni ‘70, quando Medeiros e Almeida decise di lasciare la Casa-Museo al suo Paese, demolì il giardino per costruire una nuova ala per poter ospitare parte di un’importante collezione di arti decorative che riflette un gusto eclettico e cosmopolita. La coppia si trasferì quindi nella casa accanto fino alla fine della loro vita. Nell’Ala Vecchia che era abitata dalla coppia Medeiros e Almeida si percepisce ancora il loro modo di vivere perché tutto è rimasto intatto. L’Ala Nuova comprende ambienti sofisticati simili a musei.

La Casa-Museo comprende 27 gallerie che rivelano l’esperienza personale e sociale di Medeiros e Almeida. Le preferenze del collezionista sono svelate dalle due gallerie specifiche che ha creato per ospitare gli orologi e le collezioni di porcellane cinesi. Sono esposte diverse altre collezioni. Mobili portoghesi e francesi, dipinti olandesi e fiamminghi del XVI e XVII secolo, ritratti inglesi del XIX secolo, argento inglese, gioielli, arazzi francesi e fiamminghi. Il The Guardian lo ha eletto miglior museo d’Europa, non è molto conosciuto ma è molto prezioso.

Museu da Marioneta

Il Museo è stato fondato nel 1987 dalla Companhia de Marionetas de S. Lourenço, una compagnia teatrale itinerante che si è esibita sia in Portogallo che all’estero. Fu, quindi, il primo luogo portoghese dedicato ai burattini, da quando il Teatro do Bairro Alto fu spento nel 1755. Nel novembre 2001 il Museu da Marioneta si è trasferito al Convento das Bernardas. È il primo e unico museo portoghese esclusivamente dedicato all’interpretazione e alla diffusione della storia dei burattini e dei teatri di marionette, con la storia di questa arte estremamente affascinante in tutto il mondo.

La collezione del museo si è evoluta progressivamente, raffigurando le diverse forme teatrali che derivano da antiche tradizioni o da moderne attività artistiche, esplorando nuove forme, nuovi materiali e nuove tecniche. Il Museo è ideale per una visita in famiglia i bambini rimarranno colpiti ma anche gli adulti ne saranno affascinati. Ospita anche maschere e marionette del sudest asiatico e africano.

FRESS Museu

Riunendo una proprietà così ammirevole e donandola al Paese, Ricardo do Espírito Santo Silva ha promosso un progetto originale e unico per la salvaguardia, la diffusione e l’insegnamento delle arti decorative portoghesi. L’eredità di questo grande mecenate ha acquisito una dimensione maggiore, unica ed eccellente in campo educativo e culturale nel corso del tempo. Un lavoro che si è concretizzato nella creazione di un ente di servizio pubblico dove l’arte del saper fare è custodita e trasmessa quotidianamente dai Maestri e ne ha assicurata la continuità per mano di apprendisti e studenti.

 Il Palazzo Azurara, edificio seicentesco recuperato secondo il gusto del secolo XVIII merita una visita. Sede della Fondazione Ricardo do Espírito Santo Silva, espone anche la sua collezione privata in uno scenario opulento e straordinario che conferisce ancora maggiore ricchezza agli oggetti e agli elementi che ospita. Visitare il Museo significa fare un viaggio attraverso le Arti Decorative dal XV al XVIII secolo guidati dai diversi gruppi tematici: mobili, tessuti, argenteria, porcellana cinese, maiolica portoghese e piastrelle, pittura, disegno, scultura, rilegatura, ecc. Una pausa essenziale, prima di immergersi poi nuovamente nella vista decorativa di Lisbona in giro per la città.

LEGGI ANCHE: Procida Capitale della Cultura 2022

Back to top button