Sport

Formula 1: le date ufficiali del Mondiale, 23 i Gran Premi

Si comincia il 28 marzo in Bahrain per terminare in dicembre ad Abu Dahbi

Il 28 marzo segnatevelo, se non lo avete già fatto. Sarà il grande giorno del Gp del Bahrain che aprirà il Mondiale 2021 di Formula Uno.

Spettacolo da godere

Il calendario del campionato di quest’anno è stato ufficializzato e non riserva grandi sorprese ma una certezza: sarà uno spettacolo, malgrado il Covid e la necessaria, almeno in alcuni casi, assenza del pubblico sugli spalti. Si svolgerà anche il Gran Premio del Portogallo – il dubbio era su questo punto – che si terrà sulla pista di Portimao. Remote, invece, le possibilità di correre anche quest’anno il Gp di Cina, mentre è ufficiale che a Baku, il 6 giugno, la gara si terrà senza pubblico.

Ottimo lavoro quello dei portoghesi

L’amministratore delegato della Formula 1, Stefano Domenicali, ha ringraziato il governo portoghese che ha lavorato alacremente per organizzare questo evento. Ancora non è noto però se si disputerà la gara con il pubblico. Il Gp della Cina ufficialmente è stato posposto, ma leggendo con attenzione le date dei Gp inseriti nel calendario pare difficile immaginare che si corre a Shanghai nel 2021.

Date e orari dei Gran Premi 2021

Si parte come detto dal Gp del Bahrain. Sul circuito arabico si correrà domenica 28 marzo alle 17. Quasi un mese più tardi sarà la volta della nostra Italia. L’Emilia-Romagna attende il 18 aprile piloti e auto fiammanti alle 15. Ecco poi il Portogallo: domenica 2 maggio (ore 15) sul circuito di Portimao per il secondo anno consecutivo. Quindi c’è la Spagna (9 maggio), Monaco (23 maggio) e l’Azerbaigian (6 giugno). Appena una settimana più tardi, il 13 giugno, tutti in Canada, mentre il 27 giugno sarà la volta della Francia. L’Austria arriva il 4 luglio, la Gran Bretagna il 18 e il 1 agosto ecco il Gp d’Ungheria. Belgio, Olanda e di nuovo Italia (Monza) metteranno i propri circuiti a disposizione rispettivamente il 29 agosto, il 5 settembre e il 12 settembre. Tutti in Russia, invece, il 26 settembre e a Singapore il 3 ottobre. In Giappone il 10 di quel mese e il 24, due settimane dopo, negli Usa. A fine ottobre, il 31, in Messico e il 7 novembre in Brasile. Il 21 novembre sarà la volta dell’Australia, il 5 dicembre dell’Arabia Saudita e infine, domenica 12 dicembre il termine ad Abu Dhabi.

Domenico Coviello

Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze, come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione Internet de “La Nazione”, “Il Giorno” e “Il Resto del Carlino”, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni, sempre su Internet, all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a “City”, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli – Corriere della Sera. Un passaggio alla “Gazzetta dello Sport” a Roma, e al desk del “Corriere Fiorentino”, il dorso toscano del “Corriere della Sera”, poi di nuovo su Internet per il sito di news “FirenzePost”. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma, e da qui l’approdo a “Velvet Mag”. Ha collaborato a “Vanity Fair”.
Back to top button
Privacy