Johnny Depp: Amber Heard non ha donato i soldi del risarcimento

L'attore Johnny Depp ha voluto minare la credibilità della sua ex moglie dichiarando che non ha donato in beneficenza, come promesso, i 7 milioni di euro avuti come risarcimento danni

Johnny Depp lo scorso novembre ha perso la causa  per diffamazione con il britannico The Sun che l’aveva definito, in un articolo a lui dedicato, “picchiatore di mogli”. A sostegno della sua tesi il quotidiano aveva chiamato come testimone proprio Amber Heard, l’ex moglie. Il giudice l’ha ritenuta affidabile, stabilendo che secondo la corte ci fu violenza domestica su di lei da parte dell’ex marito. E a nulla sono valse le testimonianze dei domestici secondo cui Johnny Depp mai l’aveva toccata, anzi. Era lei che gli faceva continuamente dispetti, come aver fatto “popò” sul loro letto matrimoniale.

Ora Johnny Depp ha deciso di minare pubblicamente la credibilità di Amber Heard. Ha infatti dichiarato che lei non ha affatto donato interamente i 7 milioni di dollari avuti come risarcimento danni. Amber lo aveva promesso tra le lacrime: non ho accusato il mio ex marito per i soldi, infatti, se il il giudice stabilirà che io abbia diritto al risarcimento danni, lo devolverò in beneficenza. Bene, per Johnny non l’ha fatto. I suoi legali hanno le prove e le stanno inviando a tutti i tabloid del mondo. 

Johnny Depp: l’attore è in attesa della possibilità di una nuova causa contro il The Sun

Questo in vista della causa di appello, quella che Johnny Depp ha intentato sempre contro il Sun. Il “capo” del pool di avvocati dell’attore, Andrew Caldecott, ha affermato la settimana scorsa in tribunale che il fatto che Amber abbia fatto questa promessa pubblica l’ha fatta apparire più affidabile agli occhi della Corte. Insomma: i giudici, dopo che lei ha dichiarato di voler donare sette milioni di dollari ai bimbi malati, hanno pensato che sicuramente lei era una brava ragazza generosa. Questo ha dato, secondo Andrew Caldecott, un “notevole impulso alla sua credibilità come persona” e “ha fatto pendere la bilancia contro il signor Depp dall’inizio del processo.”

Secondo le prove presentate ai giurati, Amber Heard ha donato solo 100.000 dollari. Molto, ma molto meno dei 7 milioni di dollari promessi. L’avvocato di lei, Elaine Bredehoft, ha ammesso che, in effetti, la sua cliente non ha ancora versato l’intera somma al Children’s Hospital di Los Angeles. Ma anche questo sarebbe sempre colpa di Johnny Depp, che, continuando a farle causa, farebbe sì che lei debba attingere a quei soldi per pagare le spese legali.

Insomma: pare che per Amber Heard tutto ciò che le succede sia colpa dell’ex marito Johnny Depp. E non fa nulla che sia stata provata la sua relazione “a tre” con la modella Cara Delevingne e il patron di Tesla Elon Musk. Oppure che anche lei sia stata estremamente sgradevole con lui durante le nozze, pubblicando foto che ritraevano Johnny Depp svenuto e ubriaco.

Comunque, il giudice non ha ancora deciso se concederà a Johnny Depp la causa di appello o meno. I fan di lui sperano di sì, perché sono convinti della sua innocenza. Per loro l’attore ha il solo torto di essersi innamorato di una viziosa arrampicatrice sociale, come hanno scritto su Internet. Chissà che stavolta l’ago della bilancia questa volta non penda a suo favore anziché contro.

 

 

Exit mobile version