CinemaPrimo piano

Leonardo, la serie avrà una seconda stagione: “Un Leonardo segreto a Roma”

La serie evento in onda su Rai 1 avrà una seconda stagione

Visti gli straordinari risultati conseguiti con la messa in onda dei primi episodi su Rai 1, era chiaro fin da subito che Leonardo sarebbe continuato. In effetti, già in occasione della conferenza stampa, si era già parlato di un eventuale proseguimento della serie, ideata da Frank Spotnitz e Steve Thompson. Tuttavia, quelle che potevano essere delle voci hanno trovato finalmente conferma. Luca Bernabei, l’amministratore delegato della Lux Vide, la casa di produzione della serie, ha difatti ammesso che Leonardo tornerà per una seconda stagione.

Leonardo, la serie avrà una seconda stagione: parola di Luca Bernabei

Metti una vicenda basata sua una delle figure più emblematiche della storia dell’umanità, ovvero Leonardo Da Vinci. Aggiungi un cast internazionale in cui possiamo trovare nomi come Matilda De Angelis, Aidan Turner, Freddie Highmore, James D’Arcy e Giancarlo Giannini. Ecco, dunque la ricetta per un successo assicurato. In effetti, i numeri parlano chiaro: i due episodi inaugurali hanno difatti toccato la cifra di 7 milioni di spettatori. Ad esprimersi sul futuro della serie è dunque intervenuto lo stesso produttore, Luca Bernabei. Ai microfoni di RTL 102.5, l’amministratore delegato della Lux Vide ha affermato a chiare parole che la seconda stagione di Leonardo sia in programma. Il produttore ha poi lanciato alcune anticipazioni, in merito al nuovo capitolo: “Ci sarà una seconda stagione che racconta di un Leonardo segreto a Roma“- ha ammesso Bernabei, affermando inoltre di avere già in mente un progetto per il futuro, incentrato su un’altra mente geniale nel nostro panorama artistico.

Dopo Leonardo, Luca Bernabei ha un altro progetto in mente

Nonostante il successo riscontrato, tuttavia, Leonardo non è stata esente da critiche. Molti di esse hanno avuto come oggetto di non aver riportato i fatti così come sono avvenuti. Alcuni spettatori, di fatti, avrebbero criticato l’inserimento di alcuni personaggi, inventati ad hoc, o di situazioni mai avvenute. Bernabei ha risposto anche a queste reticenze, affermando che alcune delle situazioni inserite nell’intreccio siano state degli “espedienti narrativi”. Il produttore ha poi proseguito spiegando: “La fiction racconta gli spazi bianchi e riempie gli spazi neri. La storia c’è tutta, in ogni puntata racconteremo un suo capolavoro, e anche degli aspetti della sua vita, come l’essere stato abbandonato dal padre“.

Nel difendere il “suo” Leonardo, il produttore ha poi ammesso di avere in programma già una nuova avventura seriale, basta questa volta su un’altra mentalità geniale: Michelangelo. A tal proposito, Bernabei ha ammesso, ai microfoni di Radio Zeta: “Vorrei fare una serie tv su Michelangelo e il suo rapporto con il Papa durante la realizzazione del Giudizio Universale nella Cappella Sistina“. Un nuovo capitolo, dunque, nel Rinascimento italiano.

Back to top button
Privacy