MusicaPrimo piano

Kurt Cobain, 27 anni dopo: la leggenda del grunge vive ancora

Oggi si celebra il ventisettesimo anniversario dalla morte dello storico frontman dei Nirvana

Oggi, 5 aprile, il nostro ricordo non può che andare a Kurt Cobain, storico leader dei Nirvana. Il rocker è scomparso nel 1994, alla giovanissima età di 27 anni. Oggi di fatto ne avrebbe avuti il doppio, ovvero 54. Il suo talento precoce ed una condizione psicologica non invidiabile hanno purtroppo influito nel suo triste destino. L’artista si è infatti suicidato nella sua residenza di Seattle, dove conviveva assieme a sua moglie Curtney Love. Come detto, parliamo di uno dei personaggi più iconici della storia del rock, capace di divenire nel giro di pochissimo tempo uno degli idoli della cosiddetta “generazione X“.

In effetti la carriera di Kurt Cobain è stata brevissima: nel 1987 ha fondato i Nirvana assieme al suo amico Krist Novoselic. I due hanno poi coinvolto il batterista Dave Grohl (oggi leader dei Foo Fighters) nel progetto discografico, raggiungendo risultati incredibili. Nel giro di due anni infatti Cobain e soci raggiunsero le vette delle classifiche americane, divenendo un fenomeno mondiale. I Nirvana sono stati senza dubbio la punta di diamante del movimento grunge, nato proprio nel contesto cittadino di Seattle.

Come scrivere la storia in 7 anni

In soli 7 anni di carriera i Nirvana sono stati capaci di vendere qualcosa come 75 milioni di dischi, divenendo, come anticipato, il vero fenomeno musicale degli anni ’90. A ciò ha senz’altro contribuito la bellezza e la sincerità delle parole scritte dalla penna di Kurt Cobain. Il grunge in effetti si differenzia dal rock classico per uno spiccato sentimento malinconico riscontrabile tra le righe dei testi.

Una sorta di lamento carico di adrenalina, accompagnato da un sound degno delle migliori band rock, dove la chitarra elettrica, la batteria e la voce di Cobain erano indiscusse protagoniste. L’eredità lasciata dal frontman dei Nirvana è importantissima: ancora oggi la band è ricordata tra quelle che hanno lasciato un segno indelebile ed è ascoltatissima. Peccato solo non avere più con noi Kurt Cobain: siamo certi che un personaggio come lui avrebbe saputo raccontare il mondo odierno magistralmente.

 

LEGGI ANCHE: Kurt Cobain, la chitarra di “Unplugged” venduta all’asta: la cifra è record

Back to top button
Privacy