CronacaNews

L’Aquila, un fascio di luce e 309 rintocchi di campane a 12 anni dal terremoto

Il capoluogo dell'Abruzzo in parte ricostruito lotta ancora per la sua rinascita

Sono trascorsi dodici anni dal terremoto di magnitudo 6.3 che la notte del 6 aprile 2009 distrusse il centro storico dell’Aquila, in Abruzzo, e diversi paesi nei dintorni. Trecentonove rintocchi di campane in memoria delle 309 vittime del sisma sono quelli che si sono sentiti in città per ricordare la devastazione che giunse dal ventre della terra alle 3:32 nel cuore della notte.

La città oggi

Oltre ai morti il terremoto provocò oltre 1.600 feriti e più di 10 miliardi di euro di danni stimati. Oggi L’Aquila è cambiata. La ricostruzione privata è stata quasi completata. Molti edifici pubblici sono invece ancora fermi, comprese le scuole. Il centro storico tarda a riprendere vita e le riaperture, sorrette da incentivi economici, non bastano.

Un braciere e un fascio di luce

Un vigile del fuoco ha acceso ieri sera un simbolico braciere davanti alla Chiesa di Santa Maria del Suffragio. E sempre da Piazza Duomo, cuore del centro storico ed esempio di una ricostruzione efficace, un fascio di luce si è stagliato verso il cielo. Così, nonostante le restrizioni imposte dal Covid, commozione, emozione e dolore hanno caratterizzato i momenti clou della commemorazione delle vittime del terremoto.

Ricordo e speranza di rinascita

Una cerimonia che, a causa della pandemia di Covid, per il secondo anno consecutivo ha visto annullata la tradizionale fiaccolata per le vie del centro storico e nei luoghi simboli della tragedia. Oltre al vigile che ha acceso il braciere, in una piazza Duomo praticamente deserta erano presenti il sindaco, Pierluigi Biondi. Ma anche il sindaco di Cugnoli (Pescara), Lanfranco Chiola, in rappresentanza dei Comuni del cratere, il prefetto Cinzia Torraco e l’arcivescovo, cardinale Giuseppe Petrocchi.

Il programma del giorno

Oggi 6 aprile alle 10:30, sindaco, prefetto e arcivescovo hanno partecipato alla cerimonia commemorativa organizzata all’interno della Scuola ispettori e sovrintendenti della Guardia di Finanza alla presenza del comandante della Scuola, generale di divisione Cristiano Zaccagnini. Alle 12, Biondi, il prefetto, l’arcivescovo, il presidente della Regione, Marco Marsilio, e altre autorità si sono ritrovate davanti il sito della Casa dello Studente, in via XX Settembre, per omaggiare e ricordare le 309 vittime.

“La tragedia ci ha resi popolo”

“Il dramma del terremoto ha reso ancora più ‘Popolo’ la gente aquilana. La comune tragedia, affrontata ‘insieme’, ha stretto, con nodi inscindibili, il mutuo senso di appartenenza“. Con queste parole il cardinale Giuseppe Petrocchi, arcivescovo metropolita dell’Aquila, ha sottolineato lo spirito di fraternità e collaborazione che gli aquilani hanno espresso ed esprimono in tutti questi anni dopo la tragedia.

Domenico Coviello

Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze, come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione Internet de “La Nazione”, “Il Giorno” e “Il Resto del Carlino”, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni, sempre su Internet, all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a “City”, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli – Corriere della Sera. Un passaggio alla “Gazzetta dello Sport” a Roma, e al desk del “Corriere Fiorentino”, il dorso toscano del “Corriere della Sera”, poi di nuovo su Internet per il sito di news “FirenzePost”. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma, e da qui l’approdo a “Velvet Mag”. Ha collaborato a “Vanity Fair”.
Back to top button
Privacy