Showbiz

Holly Madison: la coniglietta racconta la sua vita nella Playboy Mansion con Hugh Hefner

In occasione del compleanno dello scomparso Hugh Hefner, che il 9 aprile avrebbe compiuto 95 anni, l'ex fidanzata Holly Madison torna a parlare di quella vita con lui solo apparentemente "dorata"

Avrebbe compiuto 95 anni il 9 aprile Hugh Hefner. Il papà delle conigliette, fondatore di Playboy, è stato un mito vivente per le sue pubblicazioni ma anche per come ha condotto la sua vita. Sempre circondato da bellissime ragazze, meglio se bionde, ha vissuto all’interno di una megavilla chiamata “Playboy Mansion”. Una enorme struttura con dependance, piscina scoperta, grotta, piscina coperta. Intorno ettari di giardino che, in occasione del periodo di Halloween, diventava un cimitero “trasgressivo”, con tombe finte e sexy vampire in reggicalze in giro a brindare e rincorrersi.

La vita di Hef, edulcorata e resa quanto più “soft” possibile, è diventata una docufiction intitolata “Girls next door”. Svelava le giornate del magnate in compagnia delle sue tre fidanzate, Holly Madison, Bridget Marquardt e Kendra Wilkinson. Holly era la “preferita”, le altre a pari grado. L’allegro quartetto era tutto feste e servizi fotografici, viaggi e shopping. La serie, andata in onda in vari paesi, è piaciuta molto al pubblico, che poteva “sbirciare”, da molto vicino, la vita di bellissime e giovani conigliette. Dopo la morte di Hefner però la “preferita” Holly ha pubblicato un libro, intitolato “Giù nella tana del coniglio”, dove si scopre come quella vita apparentemente dorata fosse un vero incubo.

Holly Madison: oggi è una mamma single felice

In occasione del “compleanno” di Hugh Hefner, Holly ha rilasciato un’intervista al podcast “Call her daddy” in cui spiega come mai sia rimasta tanto tempo nella Mansion, ben cinque anni, e come siano ora i rapporti con le altre due “concubine”. La playmate era entrata per la prima volta nella Playboy Mansion come ospite, invitata dopo aver lavorato come modella per il brand di creme solari “Hawaiian Tropic”. A quella festa ha conosciuto altre conigliette e modelle che hanno iniziato a invitarla sempre più spesso. A quel tempo era squattrinata, non aveva prospettive di lavoro, viveva con un fidanzato con cui le cose non andavano. Alla Playboy Mansion si sentiva accolta da una comunità giovane e festosa. Quando le altre conigliette le hanno chiesto di andare a vivere con loro nella dependance, lei ha accettato. “Mi sembrava di aver trovato un posto sicuro in cui vivere”, ha dichiarato.

Ma, sempre parole di Holly, alla prima uscita come coniglietta Hugh Hefner le offrì del Quaaludes, una droga che lui chiamava “apri cosce” perché rendeva le ragazze poco coscienti e disponibili. A quella festa si è ubriacata molto e ha fumato marijuana. E’ ovviamente, ha fatto sesso con Hef. I suoi racconti più “maliziosi” dipingono un Hef piuttosto “passivo”, circondato da ragazze che facevano loro “tutto il lavoro”. Per di più, era gelosissimo di tutte le sue “fidanzate” e non permetteva loro di uscire a piacimento. C’era da rispettare un “coprifuoco”,  in casa sua giravano liberamente solo uomini più vecchi di lui.

Holly Madison: grazie a Dio non ho avuto un figlio con Hugh Hefner

Holly però con il tempo si è abituata a quella vita. Le sembrava, anzi, di essersi davvero innamorata di Hugh Hefner. Lui le faceva dei regali, le chiedeva di essere bella e disponibile. Poi aiutava la sua famiglia, sua madre, con somme di denaro. Holly Madison finì per scalzare l’allora fidanzata numero uno, Tina Jordan. Lei infatti, a differenza delle altre, non voleva andare in giro a folleggiare. Amava invece rimanere a casa e guardare con Hef nella sala cinema i vecchi film che piacevano a lui.  

Essere la “fidanzata numero uno” voleva dire trasferirsi nella camera da letto di Hef. Dormire tutta la notte con lui. Una situazione diventata sostenibile solo con l’arrivo di Bridget e Kendra. Perché le tre divennero veramente amiche. E se allora essere la preferita la lusingava, la faceva sentire innamorata, ora crede di essere stata solo vittima della “Sindrome di Stoccolma”, in cui la parte più debole si affeziona al proprio carnefice.

Quando però Holly ha chiesto di più, ovvero una famiglia e dei figli, Hef si è allontanato, e lei ha deciso di andarsene per sempre dalla Playboy Mansion.  “Grazie a Dio con Hugh Hefner i figli non sono venuti”, ha confessato Holly. Poco dopo, anche la storia di Hef con le altre due è finita. Oggi Holly è amica intima di Bridget, mentre Kendra non la sente più.

Dopo Hef è stata sposata dal 2013 al 2019 con il produttore di Las Vegas Pasquale Rotella, da cui ha avuto due figli. E’ stata fidanzata con il presentatore di Ghost Adventures Zak Baganz, ma ora è single. “Non ho bisogno di tutto il resto”, ha concluso a fine puntata di “Call Your Daddy”. “Io ho Rainbow Aurora, che ha otto anni, e Forest Leonardo, 4. Oggi è tutto ciò che voglio”.

 

Back to top button
Privacy