Primo pianoShowbiz

Principe Filippo “forza e pilastro” della regina Elisabetta: i loro 73 anni di vita insieme

La storia d'amore tra Filippo e la Regina Elisabetta

Il principe Filippo si è spento a 99 anni, 73 dei quali trascorsi al fianco della sua amata Lilibeth. Il matrimonio tra il duca di Edimburgo e la regina Elisabetta ha rappresentato un vero e proprio record e non solo per la storia della monarchia britannica. Il contributo del principe consorte al lavoro della Sovrana è stato incommensurabile e la Famiglia Reale piange la perdita di un pilastro, che ha dedicato la vita al servizio della nazione e della Regina. Ecco quali sono le tappe fondamentali dei loro 73 anni di vita insieme.

Il principe Filippo e la regina Elisabetta: 73 anni di amore

La regina Elisabetta una volta ha descritto il principe Filippo definendolo come la sua “forza e pilastro“. E nei 73 anni di matrimonio il duca di Edimburgo si è impegnato ad essere il sostegno principale della moglie. Non c’è episodio della vita di Elisabetta II in cui non sia stato presente e di supporto e, secondo le fonti vicine alla coppia, non c’è mai stata una decisione per cui la Sovrana non abbia chiesto il suo parere.

Quando hanno cominciato a scriversi, scambiandosi delle lettere, la principessa Elisabetta aveva soltanto 13 anni, ma aveva già deciso che sarebbe stato lui l’uomo giusto. Il loro amore fu ostacolato da ogni fronte. Per la Famiglia Reale era troppo povero, per gli Inglesi aveva troppi collegamenti coi Tedeschi (le sorelle avevano sposato degli uomini in stretti rapporti col nazismo). Ma alla giovane Elisabetta nulla importava di tutto ciò e alla fine la coppia si fidanzò nel 1946 a Balmoral, durante un breve soggiorno in cui il duca di Edimburgo le donò un anello di fidanzamento con diamanti presi dalla tiara della madre, la principessa Alice.

Per volere di re Giorgio VI, però, i due innamorati aspettarono il compimento dei 21 anni di età prima di celebrare le nozze, che avvennero in diretta nell’Abbazia di Westminster il 20 novembre 1947. E proprio per volere del principe Filippo, moderno e lungimirante, quel matrimonio fu il primo ad essere trasmesso via radio in tutto il mondo. La vita della coppia cambiò radicalmente il 6 febbraio 1952 alla morte di re Giorgio VI. Ai tempi si trovavano in Kenya e fu proprio il principe Filippo ad avvisare la moglie di essere diventata Regina, ad organizzare la cerimonia dell’incoronazione e ad insistere perché fosse trasmessa in televisione, andando contro il Primo Ministro, Churchill. 

Il rapporto coi figli e il segreto della lunga storia d’amore

Nel lungo regno di Elisabetta II, il principe Filippo è stato il suo pilastro principale. La Regina ha sempre tenuto in grande considerazione l’opinione del marito, sia per le questioni familiari che per quelle di Stato. Nel corso dei 73 anni di matrimonio, la coppia ha accolto in famiglia quattro figli: il principe Carlo, la principessa Anna, il principe Andrea e il principe Edoardo. Secondo le indiscrezioni, i rapporti con il primogenito sono sempre stati “difficili”, mentre la secondogenita, la principessa Anna sarebbe “identica a lui”. Ma nonostante l’aria “burbera” il duca di Edimburgo sarebbe stato un “padre profondamente orgoglioso dei propri figli“.

Nel rapporto con la regina Elisabetta, invece, sarebbe stato sempre leale e sincero. Alla Sovrana ha dedicato tutta la sua vita e le sue energie, al punto che una volta dichiarò: “Il mio primo, secondo e ultimo lavoro è non deludere mai la regina“. E se aveste chiesto al principe Filippo quale fosse il segreto del loro matrimonio, avrebbe risposto come fece in occasione delle nozze d’oro: “Penso che la lezione principale che abbiamo imparato è che la pazienza è l’ingrediente essenziale di ogni matrimonio felice. Potrebbe non essere così importante quando le cose vanno bene, ma è assolutamente vitale quando il gioco si fa difficile. Potete dedurre che la regina ha la qualità della pazienza in abbondanza“.

LEGGI ANCHE: E’ morto il principe Filippo di Edimburgo: il marito della Regina Elisabetta aveva 99 anni

Back to top button
Privacy