Primo pianoSport

Roma, Sarri a un passo dalla panchina giallorossa. De Rossi: fine dell’incubo Covid

Il tecnico toscano pronto ad allenare al posto di Paulo Fonseca

Nel giro delle ultime ore si è consolidata l’ipotesi che Maurizio Sarri divenga il nuovo allenatore della Roma. La casacca giallorossa dopo quella bianconera e, prima ancora, quella azzurra del Napoli, per il tecnico di Figline Valdarno. Dalla capitale il tam tam è insistente. I siti come Romanews.eu danno molto credito all’ipotesi. E raccontano come a fine stagione Paulo Fonseca farà le valigie. I Friedkin vogliono una svolta e subito. Così ecco l’ex Juve e Napoli: è lui, Sarri, in cima alla lista dei possibili nuovi allenatori.

La Roma di Sarri

La Roma di Sarri potrebbe prendere forma già in questi giorni. Come scrive la Gazzetta dello Sport, il tecnico porterà nella capitale il suo 4-3-3. Questo significa una difesa solida e un attacco spettacolare. Con ogni probabilità vorrà acquisti mirati. Ovvio, però, che sfrutterà anche la rosa attualmente a disposizione e i giocatori che torneranno a Trigoria dopo essere partiti in prestito. Di certo per tutti suona la carica: con Sarri non si scherza e c’è da impegnarsi senza risparmio perché il tecnico toscano non ammette mezze misure né deroghe alle sue regole.

De Rossi e la moglie Sarah

Dal fronte Roma arriva un’altra notizia. L’ex capitano Daniele De Rossi, simbolo della storia giallorossa e oggi nel team della Nazionale, si è lasciato il Covid alle spalle. È stata la compagna, l’attrice Sarah Felberbaum, a darne notizia. Ha pubblicato sui social una foto (in alto a destra) che la vede assieme all’ex centrocampista della Roma. “37 giorni dopo“, la didascalia che si riferisce al periodo forzato di separazione.

Il ricovero allo Spallanzani

Daniele De Rossi aveva contratto il Coronavirus durante l’ultima sosta per le nazionali. Proprio nei giorni del suo debutto nello staff di Roberto Mancini. Per l’ex centrocampista giallorosso si era reso necessario anche il ricovero in via precauzionale all’Istituto Lazzaro Spallanzani di Roma. Poi, finalmente, il decorso positivo e i tamponi negativi, dopo una prima fase molto aggressiva da parte del virus conto il campione.

Domenico Coviello

Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze, come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione Internet de “La Nazione”, “Il Giorno” e “Il Resto del Carlino”, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni, sempre su Internet, all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a “City”, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli – Corriere della Sera. Un passaggio alla “Gazzetta dello Sport” a Roma, e al desk del “Corriere Fiorentino”, il dorso toscano del “Corriere della Sera”, poi di nuovo su Internet per il sito di news “FirenzePost”. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma, e da qui l’approdo a “Velvet Mag”. Ha collaborato a “Vanity Fair”.
Back to top button
Privacy