Cinema

Cinema, reintrodotto l’obbligo della sala prima dello streaming, l’Anec non approva

Il nuovo "decreto finestre" reintroduce l'obbligo della sala, suscitando le polemiche dell'associazione degli esercenti

Come ormai sappiamo, il 26 aprile ha segnato la riapertura delle attività commerciali. Tra tutte, sono ritornati in funzione anche i teatri e i cinema. A tal proposito. il ministro della cultura Dario Franceschini ha recentemente firmato il nuovo “decreto finestre“. Stando a quanto si può leggere sul documento, tra i vari punti è stato reintrodotto anche l’obbligo di uscita dei film in sala cinematografica. La misura si estende per tutti i lungometraggi che hanno ricevuto contributi statali ed è mirata a promuovere il ritorno in sala, nel rispetto delle misure di sicurezza. Ciononostante, il decreto sembra aver ricevuto alcune contestazioni, in particolar modo dall’Anec.

Cinema, Dario Franceschini firma il nuovo decreto: reintrodotto l’obbligo della sala prima dello streaming, ma è già polemica

Stando al decreto, i film potranno essere distribuiti in streaming dopo un periodo di almeno 30 giorni dal passaggio in sala, sino al 31 dicembre 2021. Sebbene la misura serva alla promozione del ritorno al cinema, non tutti sembrano approvare. A tuonare contro il “decreto finestre” è stata in particolar modo l’Anec, l’associazione degli esercenti che lo ha definito “inaccettabile”. Le critiche consisterebbero nel fatto che la nuova misura voglia trovare un equilibrio tra i film di produzione straniera e quelli, invece, di produzione italiana, il cui arrivo in sala è pianificato in maniera diversa.

Se di riequilibrio si deve parlare, allora da giugno che il Ministro proceda con provvedimenti per portare in sala i film italiani, così come pianificato con quelli internazionali.” – così l’Anec ha tuonato contro il provvedimento preso dal Ministro Franceschini, rincarando ulteriormente la dose: “Il pubblico risponde così come lo ha fatto a fine agosto e settembre con i film di richiamo che sono stati messi a disposizione. Il cinema italiano è il grande assente per la ripartenza, nonostante i continui proclami di numerose produzioni“. Così l’associazione denuncia la disparità di trattamento. La preoccupazione da parte dell’Anec riguarda dunque anche il numero di prodotti italiani che, nei prossimi mesi, andranno in sala. Un numero che, si teme, potrà essere marginale rispetto ai lungometraggi stranieri.

LEGGI ANCHE: Crudelia, Emma Stone e Emma Thompson a confronto nel nuovo [TRAILER]

Lorenzo Cosimi

Cinema e tv

Romano, dopo la laurea triennale in Dams presso l’Università degli Studi Roma Tre, si è poi specializzato in Media, comunicazione digitale e giornalismo alla Sapienza. Ha conseguito il titolo con lode, grazie a una tesi in Teorie del cinema e dell’audiovisivo sulle diverse modalità rappresentative di serial killer realmente esistiti. Appassionato di cinema, con una predilezione per l’horror nelle sue molteplici sfaccettature, è alla ricerca costante di film e serie tv da aggiungere all’interminabile lista dei “must”. Si dedica alla produzione seriale televisiva con incursioni sui social.

Back to top button