CoronavirusPrimo piano

Covid, si cambia: coprifuoco dalle 23, cancellato dal 21 giugno. Recovery: fondi a rischio slittamento

Sei regioni verso la zona bianca se i dati in miglioramento saranno confermati

Dovrebbero entrare in vigore mercoledì 19 maggio le nuove misure del decreto Covid del Governo Draghi. Il coprifuoco dovrebbe slittare alle 23 ed essere definitivamente abolito dal 21 giugno. Sul fronte del Recovery plan l’Unione europea è col fiato sospeso: i Paesi recalcitranti all’approvazione dei fondi europei, come la Finlandia, rischiano di ritardare tutto. Oggi 18 maggio la decisione di Helsinki.

Più libertà la sera

Il divieto di spostamenti dovuti a motivi diversi da quelli di lavoro, necessità o salute, attualmente previsto dalle ore 22 alle 5, sarà ridotto di un’ora. Resterà valido dalle 23 alle 5. A partire dal 7 giugno, sarà valido dalle 24 alle 5. Il premier Draghi ha ricordato, durante il Cdm, che il programma sarà attuato sempre se i dati sul Covid permetteranno l’ammorbidimento graduale della restrizione.

S’intravede la zona bianca

Dal 1 giugno Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna dovrebbero entrare in zona bianca e, se il trend di contagi non cambierà, dal 7 giugno le seguiranno anche Abruzzo, Veneto e Liguria. Lo stabilisce la road map esaminata dalla cabina di regia, a cui hanno partecipato anche il Cts e il premier Draghi. Con il colore bianco le uniche precauzioni che valgono sono indossare le mascherine e tenere il distanziamento. Dal 1 giugno i ristoranti e i bar potranno aprire a pranzo e a cena anche al chiuso e oltre le 18.

Finlandia, il Paese più critico

Mentre l’Italia fa passi decisi verso le riaperture, in Finlandia per il governo di Sanna Marin non sono ore facili. Oggi 18 maggio l’esecutivo deve far approvare il piano nazionale per accettare i fondi europei ma la resistenza dell’opposizione in Parlamento è forte. Sarà necessario l’appoggio esterno della destra moderata per l’approvazione del pacchetto. Si rischia lo slittamento all’autunno del prefinanziamento del 13% dei fondi per la ripresa.

Perché anche l’Italia rischia

Per finanziare il Next generation Eu e farlo partire al più presto la Commissione europea deve indebitarsi sui mercati. Ma per raggiungere questo obiettivo serve il via libera da parte dei Parlamenti nazionali di tutti i 27 Paesi Ue entro fine maggio. Altrimenti slitterà di un mese l’erogazione della prima tranche di sussidi. L’Italia, a cui andrà la fetta più grossa del Recovery fund (il Next generation Eu) sarebbe la più più penalizzata. Pochi giorni fa la presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, ha ricordato come tutto dipenda “dal mese in cui gli Stati ratificano. Noi possiamo andare sui mercati il mese successivo. Se ratificano il 2 giugno, ad esempio, possiamo andare a luglio”.

Domenico Coviello

Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze, come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione Internet de “La Nazione”, “Il Giorno” e “Il Resto del Carlino”, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni, sempre su Internet, all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a “City”, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli – Corriere della Sera. Un passaggio alla “Gazzetta dello Sport” a Roma, e al desk del “Corriere Fiorentino”, il dorso toscano del “Corriere della Sera”, poi di nuovo su Internet per il sito di news “FirenzePost”. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma, e da qui l’approdo a “Velvet Mag”. Ha collaborato a “Vanity Fair”.
Back to top button
Privacy