"
News

Recovery, per un italiano su 3 non avrà effetti sul proprio tenore di vita

I dati di una ricerca misurano delusioni e speranze dei cittadini

Gli italiani e il Recovery plan? La popolazione del Bel Paese appare divisa fra scetticismo, pessimismo e ottimismo sui risultati che potranno essere ottenuti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Se infatti un 21,6% crede che il piano possa avere un’influenza positiva sulla propria situazione finanziaria, un 34,3% crede che non ci avrà alcun effetto.

Il primo rapporto sull’argomento

I dati emergono dal primo rapporto “Gli italiani: risparmio e investimento” realizzato da Euromedia Research e Banca Mediolanum. Molto più bassa la percentuale di chi vede invece un impatto negativo dal Pnrr (11,8%), superata addirittura da chi pensa che il piano non verrà mai realizzato o lo sarà solo in parte (18%). C’è poi un 14,3% che sul tema non sa rispondere.

I tempi del Parlamento

La cosiddette “statistiche sull’attività legislativa” diventano intanto fonte di preoccupazione nel governo Draghi. Il Recovery plan italiano è all’esame della Commissione europea a Bruxelles e ormai la “macchina” attuativa del più grande meccanismo di finanziamenti che l’Italia abbia mai visto deve cominciare a partire. Ma se per i provvedimenti di attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) occorre far presto, la discussione e l’approvazione da parte della Camera dei deputati, e poi del Senato, rispetto alle nuove normative rischia di trasformarsi in una palude.

I finanziamenti di Bruxelles

Secondo quanto riporta il Sole24Ore, infatti, in media in Italia occorrono oltre 300 giorni affinché un ramo del Parlamento dia il suo via libera definitivo a una legge. Naturalmente ciò dipende anche dal meccanismo di bicameralismo perfetto. Il quale rende tortuoso ma anche scrupoloso il percorso di una normativa fino alla sua definitiva approvazione. Ora però c’è un grosso problema. I circa 200 miliardi del Next Generation Eu destinati al nostro Paese non sono un benevolo regalo di Bruxelles. Sono ripartiti in varie tranches, la cui erogazione è condizionata alla progressiva attuazione di quelle che la Commissione europea ritiene riforme imprescindibili per l’Italia. Riforma del fisco, del lavoro, green, transizione digitale, solo per citarne alcune.

 

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button
Privacy