"
Sport

Inzaghi alla corte di Zhang: che Inter sarà. Valentino Rossi: “Fra un mese saprete il mio futuro”

Il "Dottore" sta per prendere la decisione se continuare a o smettere

L’annuncio ufficiale, dicono i ben informati, potrebbe arrivare tra il weekend e l’inizio delle prossima settimana. Ma ormai l’Inter e il nuovo allenatore Simone Inzaghi cominciano a pianificare il futuro. Si riparte dal 3-5-2 di Conte. Inzaghi, però, porterà del suo. In ogni caso prima servirà capire la direzione che prenderà il mercato nerazzurro tra possibili addii, conferme e arrivi.

Le conferme

Inzaghi in difesa ritrova De Vrij ma anche Bastoni è abile a impostare, il che sopperirà alla mancanza di Reina, la cui abilità palla al piede è ben diversa da quella di Handanovic. Brozovic potrebbe essere il suo Lucas Leiva, mentre la qualità e le incursioni offensive potrebbero essere garantite da Barella ed Eriksen. Tuttavia si parla già della richiesta di portare in nerazzurro il pupillo Luis Alberto, e in tal caso il danese sarebbe indiziato alla cessione.

Juve: Pirlo addio

Da Torino, intanto, arriva l’ufficialità: Andrea Pirlo non è più l’allenatore della Juventus. L’annuncio tramite i social del club bianconero. “Grazie, Andrea. Sono le prime parole che tutti noi dobbiamo pronunciare al termine di questa esperienza speciale vissuta insieme”, recita l’inizio del comunicato. Pirlo lascia dopo un anno e due trofei conquistati: Coppa Italia e Supercoppa.

Valentino al bivio, una scelta difficile

Mentre nel calcio dei big si danza il valzer delle panchine, dal mondo del MotoGp si fa vivo Valentino Rossi. Il campionissimo marchigiano è alle prese con la decisione forse più difficile della sua carriera: continuare o smettere definitivamente? “Affronteremo quatto gare in cinque settimane dopo di che, con l’annullamento del Gp di Finlandia, avremo un mese di pausa – ha dichiarato Rossi al Mugello -. Sicuramente in quel periodo tutti cominceranno a pensare al 2022″. “Anch’io in quel periodo penserò al mio futuro, ma non sarà una decisione solo mia. Dovrò parlare anche col team Petronas e con Yamaha per comprendere quali siano i loro programmi per il prossimo anno e poi decideremo. Senza dubbio, queste quattro gare saranno molto importanti”.

Domenico Coviello

Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze, come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione Internet de “La Nazione”, “Il Giorno” e “Il Resto del Carlino”, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni, sempre su Internet, all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a “City”, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli – Corriere della Sera. Un passaggio alla “Gazzetta dello Sport” a Roma, e al desk del “Corriere Fiorentino”, il dorso toscano del “Corriere della Sera”, poi di nuovo su Internet per il sito di news “FirenzePost”. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma, e da qui l’approdo a “Velvet Mag”. Ha collaborato a “Vanity Fair”.
Back to top button
Privacy