AttualitàNews

Recovery, il commissario al Bilancio Hahn rassicura l’Italia: “In arrivo i primi 25 miliardi”

Si tratta del pre-finanziamento per il "Next Generation Eu"

Si avvicina progressivamente il mese di luglio e l’Italia spera di ricevere, come promesso dall’Unione europea, la sua quota di pre-finanziamenti del Next Generation Eu. A rassicurare il nostro Paese ci ha pensato oggi 8 giugno il commissario europeo al Bilancio, l’austriaco Johannes Hahn. “Sono fiducioso, e l’Italia deve essere fiduciosa, che i fondi raccolti a giugno e luglio serviranno questa” sua necessità di pre-finanziamento, ha dichiarato. Una somma che complessivamente vale circa 25 miliardi di euro. Così Hahn ha risposto a chi gli chiedeva se le emissioni di titoli che la Commissione farà entro luglio saranno sufficienti a coprire il pre-finanziamento dei Paesi che si vedranno approvare i piani di rilancio (Pnrr) la prossima settimana.

Un buon Pnrr assicura i fondi

Quelli che hanno preparato bene i piani devono stare sicuri che i fondi saranno disponibili presto“, ha aggiunto il commissario la Bilancio dell’Unione. Sul fronte economico arrivano oggi dati interessanti a livello globale. L’economia mondiale, infatti, crescerà quest’anno del 5,6%. Si tratta della maggiore velocità post-recessione da 80 anni. Lo prevede la Banca Mondiale che ha rivisto al rialzo la precedente stima del 4,1%.

Stati Uniti e Cina in forte ripresa

A spingere la ripresa sono gli Stati Uniti e la Cina, che crescono rispettivamente del 6,8% e dell’8,5%. Ma nonostante la ripresa, la produzione globale resta circa il 2% sotto alle previsioni pre-pandemia per la fine del 2021. “La pandemia continua a infliggere povertà e disuguaglianze nei paesi in via di sviluppo“, avverte tutti il presidente della Banca Mondiale, David Malpass, sottolineando la necessità di accelerare la distribuzione dei vaccini.

Recovery e Green Pass

Dopo il dibattito sul Recovery fund, il Parlamento europeo si esprimerà in serata sull’approvazione definitiva del certificato digitale Covid-19 della Ue. Uno strumento che servirà a facilitare i viaggi nell’Unione durante la pandemia e contribuire alla ripresa economica. I voti saranno due. Il primo sul certificato per agevolare la libera circolazione delle persone durante la pandemia di Covid-19. Il secondo invece riguarderà i cittadini di Paesi terzi regolarmente soggiornanti o residenti nel territorio degli Stati Ue durante la pandemia. I risultati saranno resi noti domani mattina 9 giugno.

Domenico Coviello

Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze, come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione Internet de “La Nazione”, “Il Giorno” e “Il Resto del Carlino”, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni, sempre su Internet, all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a “City”, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli – Corriere della Sera. Un passaggio alla “Gazzetta dello Sport” a Roma, e al desk del “Corriere Fiorentino”, il dorso toscano del “Corriere della Sera”, poi di nuovo su Internet per il sito di news “FirenzePost”. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma, e da qui l’approdo a “Velvet Mag”. Ha collaborato a “Vanity Fair”.
Back to top button
Privacy