CoronavirusPrimo piano

Covid, due terzi dell’Italia verso la zona bianca. Recovery: presto il via libera Ue al Pnrr

Dal Lazio alla Lombardia nuove regioni "bianche" dal 14 giugno

Con lunedì prossimo 14 giugno due terzi d’Italia saranno in zona bianca. Più libertà, quindi, per milioni di italiani, rispetto alle restrizioni anti Covid. Sul fronte del Recovery europeo si attende a breve, per i prossimi giorni, la rapida approvazione del Pnrr presentato dal governo Draghi da parte della Commissione europea. 

Regioni: la mappa dei colori

Nuove regioni, rispetto alle 7 attuali, diventeranno zona bianca a partire da lunedì 14 giugno. Entro oggi 11 giugno è attesa la firma della relativa ordinanza da parte del ministro Roberto Speranza. Se non ci saranno contrordini dell’ultim’ora Lombardia, Lazio, Piemonte, Emilia-Romagna e Provincia autonoma di Trento lasceranno il “giallo”. E si aggiungeranno alle già “bianche” Sardegna, Friuli-Venezia Giulia, Molise, Liguria, Veneto, Umbria e Abruzzo. In forse la Puglia.

Indice Rt e incidenza dei nuovi casi

Per quanto riguarda i dati sulla pandemia, scende ancora il valore medio nazionale dell’incidenza dei casi di Covid ogni 100mila abitanti. Passa a 26 casi rispetto ai 32 della scorsa settimana. Fermo invece l’Rt nazionale allo stesso valore di 7 giorni fa: 0,68. Sono questi, anticipano le agenzie di stampa, i dati contenuti nella bozza di monitoraggio Iss-Ministero della Salute, che saranno presentati oggi.

Vaccini: oltre 40 milioni di dosi

Si è superata in Italia la soglia dei 40 milioni di vaccini somministrati contro il Covid-19. Secondo l’ultimo aggiornamento della struttura commissariale, alle 6.06 di stamattina 11 giugno sono 40.504.155 le inoculazioni effettuate nel nostro Paese. Sono invece 13.654.623 le persone immunizzate, cioè che hanno completato la vaccinazione, pari al 25,17 % della popolazione con più di 12 anni.

Sicilia, nuova zona rossa locale

Una nuova zona rossa è stata fissata intanto in Sicilia, a Gratteri, in provincia di Palermo. Lo prevede un’ordinanza firmata dal presidente della Sicilia, Nello Musumeci, che avrà efficacia a partire da sabato 12 giugno fino a giovedì 17 giugno. Il provvedimento è stato assunto sentito il sindaco e in seguito alla relazione delle autorità sanitarie, che ha evidenziato un considerevole aumento di soggetti positivi al Covid.

Recovery plan, la svolta è vicina

L’Italia spera anche per il suo Pnrr. Mercoledì prossimo, 16 giugno, si riunirà, come tutte le settimane, la Commissione europea. Ma il suo ordine del giorno sarà più importante del solito: contiene l’approvazione dei primi Recovery plan che gli Stati membri dell’Unione europea hanno inviato a Bruxelles a fine aprile. Tra i primi della lista c’è anche quello italiano. Il Pnrr presentato dal governo Draghi il 30 aprile scorso, dunque, dovrebbe ottenere senza problemi l’atteso via libera.

Domenico Coviello

Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze, come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione Internet de “La Nazione”, “Il Giorno” e “Il Resto del Carlino”, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni, sempre su Internet, all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a “City”, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli – Corriere della Sera. Un passaggio alla “Gazzetta dello Sport” a Roma, e al desk del “Corriere Fiorentino”, il dorso toscano del “Corriere della Sera”, poi di nuovo su Internet per il sito di news “FirenzePost”. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma, e da qui l’approdo a “Velvet Mag”. Ha collaborato a “Vanity Fair”.
Back to top button
Privacy