Primo pianoSport

Euro 2020, tutte le squadre già qualificate agli ottavi. Italia, c’è l’Austria: guai a sottovalutarla

Superando per 1-0 l'Ucraina gli austriaci passano il turno per la prima volta nella storia della competizione

Gli Europei di calcio entrano nel vivo e comincia a delinearsi il quadro degli accoppiamenti per gli ottavi di finale. La Danimarca ha travolto la Russia 4-1 nella terza e ultima partita del girone B giocata ieri a Copenaghen. Una vittoria straripante dedicata a Christian Eriksen che dà ai danesi l’accesso agli ottavi, al secondo posto dietro il super Belgio di Lukaku che passa a punteggio pieno. La formazione di Hjulmand passa il turno con soli tre punti, ma grazie a una migliore differenza reti.

Chi ha la certezza aritmetica

Gli ultimi risultati di Euro 2020 regalano ad altre quattro nazionali l’aritmetica certezza di un posto agli ottavi: si tratta di Svizzera (girone A con Italia e Galles), Francia (girone F), Inghilterra (girone D) e Repubblica Ceca (girone D). Anche l’Olanda (girone C), così come l’Italia (girone A) hanno già passato il turno poiché sono a punteggio piano. Il Galles (girone A), secondo dietro gli Azzurri con 4 punti, è anch’esso agli ottavi.

Il ripescaggio della Svizzera

La Svizzera in particolare, con 4 punti, è sicura di approdare agli ottavi grazie al ripescaggio, visto che Ucraina (girone C) e, Finlandia (girone B) hanno collezionato soltanto una vittoria e 3 punti ciascuna. Gli elvetici, quindi, facendo meglio di Ucraina e Finlandia, si sono garantiti uno dei 4 pass a disposizione per le migliori terze classificate. Stessa certezza per la Francia, che andrà avanti nel torneo anche se dovesse perdere all’ultima giornata col Portogallo nel gruppo F. Qualificate, come detto, anche Inghilterra e Repubblica Ceca, entrambe a quota 4, che si affronteranno stasera 22 giugno a Wembley nel gruppo D. Chi dovesse uscire sconfitta potrebbe comunque consolarsi col passaggio del turno.

Sorpresa Austria

Un risultato sorprendente consegna all’Italia il suo prossimo avversario: l’Austria. Un gol di Baumgartner contro l’Ucraina, a metà del primo tempo, ha regalato infatti agli austriaci la prima qualificazione agli ottavi nella loro storia. Sarà quindi l’Austria l’avversaria dell’Italia nella sfida di sabato prossimo 26 giugno a Londra. Per l’Austria l’1-0 all’Ucraina maturato nella partita giocata a Bucarest è un risultato pienamente meritato. L’Ucraina è apparsa evanescente mentre l’Austria ha impostato una gara volitiva, generosa e con un pressing asfissiante. È un gruppo ben coordinato e affiatato e gli Azzurri faranno bene a non sottovalutarlo. Lo stesso Roberto Mancini lo ha detto fin dall’inizio di questi campionati europei: al di là delle squadre favorite sulla carta, come la Francia, contano le sorprese. Nel calcio tutto può succedere.

Domenico Coviello

Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze, come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione Internet de “La Nazione”, “Il Giorno” e “Il Resto del Carlino”, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni, sempre su Internet, all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a “City”, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli – Corriere della Sera. Un passaggio alla “Gazzetta dello Sport” a Roma, e al desk del “Corriere Fiorentino”, il dorso toscano del “Corriere della Sera”, poi di nuovo su Internet per il sito di news “FirenzePost”. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma, e da qui l’approdo a “Velvet Mag”. Ha collaborato a “Vanity Fair”.
Back to top button
Privacy