"
LibriPrimo piano

In Libreria con: “Figlia della cenere” di Ilaria Tuti

Tornano le inchieste del commissario Teresa Battaglia

Dopo Fiori sopra l’inferno e Ninfa dormiente, torna il commissario Teresa Battaglia: il personaggio creato dalla fantasia così ricca di sfumature di Ilaria Tuti. La dottoressa Battaglia non delude mai i lettori. Le sue inchieste sono dense di arguzia investigativa e soprattutto di umanità. Teresa si fa partecipe di ciò che indaga, ma questa sua caratteristica, lungi dal deviarla rispetto alla capacità di arrivare al termine delle indagini, la sostiene. La sua empatia verso le situazioni che incontra la dirige e la guida verso la soluzione del caso.

Crudeltà e lealtà

Così Ilaria Tuti immerge la sua eroina in una storia intrisa di spietatezza e compassione, di crudeltà e lealtà, di menzogna e gentilezza. L’indagine più pericolosa per Teresa, il caso che segna la fine di un’epoca. È questo e molto altro Figlia della cenere (Longanesi): l’ultimo libro di della “madre” di Teresa Battaglia.

Ilaria Tuti

 

La mia è una storia antica, scritta nelle ossa. Sono antiche le ceneri di cui sono figlia, ceneri da cui, troppe volte, sono rinata – è il pensiero di Teresa Battaglia – E a tratti è un sollievo sapere che prima o poi la mia mente mi tradirà, che i ricordi sembreranno illusioni, racconti appartenenti a qualcun altro e non a me.

La ferocia della verità

Sì perché per il commissario “è quasi un sollievo sapere che è giunto il momento di darmi una risposta, e darla soprattutto a chi ne ha più bisogno.” In Figlia della cenere Teresa sa che i suoi giorni da commissario stanno per terminare. Eppure, nessun sollievo le è concesso. Il presente torna a scivolare verso il passato, come un piano inclinato che questa volta la costringe a rotolare dentro un buco nero. Così il commissario Battaglia capirà di dovere a se stessa, alla sua squadra, un ultimo atto, un ultimo scontro con la ferocia della verità. “Perché oggi ascolterò un assassino, e l’assassino parlerà di me.

ultimo libro ilaria tuti figlia della cenere

 

 

 

Domenico Coviello

Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze, come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione Internet de “La Nazione”, “Il Giorno” e “Il Resto del Carlino”, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni, sempre su Internet, all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a “City”, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli – Corriere della Sera. Un passaggio alla “Gazzetta dello Sport” a Roma, e al desk del “Corriere Fiorentino”, il dorso toscano del “Corriere della Sera”, poi di nuovo su Internet per il sito di news “FirenzePost”. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma, e da qui l’approdo a “Velvet Mag”. Ha collaborato a “Vanity Fair”.
Back to top button
Privacy