CronacaNewsPrimo piano

Marinella Soldi nuova Presidente Rai: tutti i precedenti di una donna a capo del primo polo televisivo

Da Letizia Moratti a Monica Maggioni ecco chi ha rivestito il ruolo di massimo vertice dell'azienda pubblica di comunicazione fra le maggiori d'Europa

Adesso è ufficiale: Marinella Soldi è la nuova presidente della Rai, così come indicato dal premier Mario Draghi. La Commissione di Vigilanza ha infatti ratificato la decisione che il Consiglio di amministrazione di Viale Mazzini aveva preso la scorsa settimana, dopo le indicazioni di Palazzo Chigi. Per la ratifica servivano, in maniera vincolante, i due terzi della Commissione. Vale a dire 27 voti su 40. Hanno votato a favore di Soldi presidente 29 commissari, 5 i voti contrari e 3 coloro che hanno scelto la scheda bianca. Altri tre commissari erano assenti. Due dei tre assenti sono i commissari di Fratelli d’Italia, a conferma del clima di tensione nel Centrodestra dopo che il consigliere di amministrazione in quota Meloni è stato escluso dal nuovo Cda Rai.

La protesta di Fratelli d’Italia

Prima del voto Federico Mollicone (FdI) ha chiesto che si procedesse a un giro di dichiarazioni di voto ma il presidente della commissione, Alberto Barachini (Forza Italia), ha fatto notare che in queste circostanze di ratifica questa eventualità non è prevista. Fratelli d’Italia “non ha partecipato deliberatamente alla votazione perché la riteniamo una brutta pagina della democrazia parlamentare – ha dichiarato Mollicone – Per la prima volta l’opposizione è fuori dal Cda Rai, cosa mai avvenuta in epoca repubblicana“. “Al di là della prassi, visto lo strappo che c’è stato, il presidente avrebbe potuto concedere un giro di dichiarazioni prima di votare“, ha insistito l’esponente di Fratelli d’Italia.

Gli incarichi della Presidente

Toscana di nascita (Figline Valdarno, Firenze) ma cresciuta a Londra, Marinella Soldi è presidente della Fondazione Vodafone Italia e consigliere indipendente di Nexi, Italmobiliare e Ariston Thermo. Fino al 2018 è stata amministratrice delegata di Discovery Network Southern Europe (Italia, Spagna, Portogallo e Francia).
La scorsa settimana il Consiglio dei ministri aveva dato il via libera alle due nomine di competenza governativa per il vertice Rai. Carlo Fuortes come amministratore delegato, e Marinella Soldi, divenuta formalmente presidente oggi 21 luglio.

Le donne a capo della Rai

Si tratta della quinta presidente donna della Rai. La terza negli ultimi dieci anni. La prima fu Letizia Moratti, attuale vicepresidente e assessore al Welfare della Regione Lombardia. Lady Moratti svolse il ruolo di massimo vertice dell’azienda pubblica radiotelevisiva fra il 1994 e il 1996, durante il Governo Berlusconi I. Dovette passare un decennio prima di avere, questa volta in quota Centrosinistra, un’altra presidente donna: Lucia Annunziata. La giornalista salernitana fu al vertice Rai fra il 2003 e il 2004.

Dal 2012 a oggi

Fra il 2012 e il 2015 Anna Maria Tarantola, già dirigente della Banca d’Italia, fu chiamata alla presidenza. Lasciò il agosto 2015, all’epoca del Governo Renzi, quando le subentrò la giornalista Monica Maggioni. Il mandato di Maggioni vide tornare al vertice Rai una cronista di lungo corso, già direttrice di Rainews 24. Fino al 27 luglio 2018 Monica Maggioni ha ricoperto anche il ruolo di vicepresidente dell’Unione europea di radiodiffusione. Fra il 2019 e il 2020 è stata amministratore delegato di Rai Com.

Domenico Coviello

Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze, come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione Internet de “La Nazione”, “Il Giorno” e “Il Resto del Carlino”, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni, sempre su Internet, all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a “City”, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli – Corriere della Sera. Un passaggio alla “Gazzetta dello Sport” a Roma, e al desk del “Corriere Fiorentino”, il dorso toscano del “Corriere della Sera”, poi di nuovo su Internet per il sito di news “FirenzePost”. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma, e da qui l’approdo a “Velvet Mag”. Ha collaborato a “Vanity Fair”.
Back to top button
Privacy