"
CoronavirusPrimo piano

Covid Italia, Green Pass valido per 12 mesi. Usa-Cina: scontro totale sulle origini del virus

Parere favorevole del Cts al prolungamento del certificato verde che da settembre sarà obbligatorio anche a scuola e sui mezzi di trasporto. Dall'America Biden attacca Pechino: "Nasconde la verità sul Sars-CoV-2"

Dal 1 settembre il Green Pass sarà obbligatorio anche a scuola e sui mezzi di trasporto, a cominciare da treni, aerei, navi e autobus e presto la validità della certificazione verde supererà i 9 mesi attuali per arrivare a coprire un intero anno. C’è infatti il parere favorevole alla proroga da parte del Comitato tecnico scientifico (Cts) che affianca il Governo. Salvo contrordini, dunque, il Green Pass durerà 12 mesi. Il prolungamento della validità del passaporto sanitario interesserà sia le persone guarite dal Covid sia quelle vaccinate. Si conferma così quanto anticipato da Sergio Abrignani, immunologo e componente del Cts, al Corriere della Sera.

Green Pass e terza dose

Per quanto riguarda, invece, la terza dose di vaccino, Abrignani ha spiegato che dopo due dosila maggioranza è ancora protetta. Intanto però finiamo di immunizzare entro ottobre l’80% dei vaccinabili poi si penserà alla terza a fine anno o all’inizio del prossimo“. Sulle modalità di somministrazione, l’immunologo ha aggiunto che “si seguirà più o meno la stessa tempistica. I sanitari dovrebbero essere i primi e uso il condizionale. Assieme ai fragili, ai pazienti persone con deficit del sistema immunitario o in chemioterapia. Poi si passerà agli over 60 che in Italia sono 18 milioni“.

Green Pass, over 60 non vaccinati

In merito agli ultra 60enni non ancora vaccinati, invece, “bisogna distinguere gli esitanti, spero almeno la metà, che hanno dubbi” ha detto ancora Abrignani. Per quanto riguarda questa fascia di cittadini occorre “cercare di convincerli mostrando loro i dati di efficacia consultabili sul sito dell’Istituto superiore di sanità.” Poi ci sono i no vaxche, secondo me, non convinceremo mai perché si basano su certezze paranoidi di cui è difficile discutere. L’unico modo sarebbe l’obbligo, ma lo dico da ricercatore“.

Origine del Covid, Biden contro la Cina

Di misure come l’obbligo vaccinale si discute anche in altri paesi ma in queste ultime ore torna alla ribalta l’irrisolta questione delle origini del Coronavirus. Assodato che è la Cina il luogo da cui proviene, ha origine animale o è stato creato in laboratorio? Un rapporto dell’intelligence Usa, che il Presidente Biden ha voluto espressamente, non scioglie il dubbio. E adesso il Commander-in-Chief attacca Pechino. “Informazioni essenziali sull’origine della pandemia esistono in Cina, ma fin dall’inizio i funzionari cinesi hanno lavorato per impedire che gli investigatori internazionali vi avessero accesso” ha dichiarato Biden.

Pechino: “Manipolazione politica

Il mondo merita risposte sul Covid“, ha sottolineato Joe Biden. Gli Usa, ha assicurato continueranno a lavorare con i loro partner internazionali per fare pressione sulla Cina e cooperare. Dura la replica dell’ambasciata cinese a Washington. L’intelligence statunitense, dicono i cinesi, ha operato una “manipolazione politica” nel rapporto sulle origini del Sars-Cov-2. “Il rapporto mostra che gli Stati Uniti sono decisi a seguire la strada sbagliata della manipolazione politica“, ha affermato l’ambasciata in una nota. “La ricerca si basa sulla presunzione di colpevolezza della Cina e ha lo scopo di utilizzarci come capro espiatorio“, è la difesa di Pechino.

LEGGI ANCHE: Covid: Sicilia in zona gialla, torna l’obbligo di mascherina ma non il coprifuoco

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button
Privacy