"
Arte e Cultura

“Il cuore profugo” di Roberto Benigni straziato dalla situazione in Afghanistan

Le parole del regista intervenuto al premio letterario Viareggio-Repaci

Il premio letterario Viareggio-Repaci è stata la cornice perfetta entro cui Roberto Benigni ha potuto parlare di quanto sta accadendo in Afghanistan. L’amatissimo attore e regista italiano, infatti, non ha potuto fare a meno di dedicare un pensiero alla tragica situazione. E citando le parole della vincitrice della sezione narrativa Edith Bruck, con Il pane perduto, ha affermato: “Viviamo in un mondo di profughi“.

Le parole di Roberto Benigni al premio Viareggio-Rapaci: “Il mio cuore è profugo”

Con la passionalità e l’attenzione all’attualità che lo contraddistinguono sempre, Roberto Benigni è intervenuto al premiazione Viareggio-Repaci. L’artista, salito sul palco per ricevere dal presidente Paolo Mieli il premio speciale Città di Viareggio, ha speso delle parole sulla situazione afghana. “Le immagini che vediamo dall’Afghanistan – ha dichiarato – della gente accalcata nel fango e poi delle mamme che gettano i bambini oltre il filo spinato, sono come veder gettare il proprio cuore, il nostro cuore è un profugo in questo mondo“. Il regista ha continuato il suo accalorato intervento dichiarando di avere il “desiderio di gettare il mio cuore oltre il filo spinato, perché quelle immagini che vediamo riguardano me. Io sono loro, io sono quel bambino, loro sono tutte le facce del Cristo“.

Nessuna ironia per i fatti di Kabul

La carriera di Roberto Benigni ha dimostrato che alcuni fatti storici possono essere letti con la serietà di un sorriso. E per quanto possa apparire un ossimoro, capolavori come La vita è bella ne sono l’esempio lampante. Ma non può esserci nessuna ironia per quanto sta accadendo in Afghanistan. La shoah con ironia, perché quella era finzione mediata dall’arte – ha dichiarato il regista – l’arte cambia sempre il soggetto che racconta, mentre oggi le immagini che arrivano dall’Afghanistan sono ora tragica realtà, è fiamma che brucia, che non può essere ancora trattata con ironia“. Il suo intervento sulle stragi che si stanno consumando a Kabul è si è concluso ribadendo che si tratta di “qualcosa di insuperabile, che non si può ora far toccare dall’ironia, perché quanto succede è troppo presente e ha bisogno del tempo“.

LEGGI ANCHE: Afghanistan, bloccate a Kabul 81 studentesse dell’Università La Sapienza. La Bbc: “Afghani uccisi da soldati Usa”

Roberta Gerboni

Beauty & Royal affairs

Siciliana, vive a Roma. Appassionata di scrittura e giornalismo fin da giovane, inizia il proprio percorso in redazione a 17 anni, occupandosi di cultura e attualità. Per tre anni redattore del Corriere di Gela, si è dedicata alla redazione di articoli per varie testate online.
Laurea Magistrale con Lode in Lettere Classiche all' Università degli Studi di Siena, dopo aver conseguito la laurea triennale in Lettere a Catania.
Appassionata di salute, bellezza e delle vite dei reali di tutto il mondo.

Back to top button
Privacy