"
NewsPolitica

Elezioni regionali in Calabria, sfida all’ultimo voto fra Centrodestra e Centrosinistra

Lo schieramento guidato da Forza Italia cerca la riconferma dopo la prematura scomparsa di Jole Santelli; in lizza come outsider il sindaco uscente di Napoli che, appoggiato da Mimmo Lucano, potrebbe sparigliare i giochi

Calabria al voto per scegliere il nuovo Governatore regionale in concomitanza con il primo turno delle elezioni amministrative comunali, il prossimo 3 e 4 ottobre. Anticipate rispetto alla scadenza naturale della legislatura, queste regionali sono un’inedito causato dalla prematura scomparsa della presidente Jole Santelli (Forza Italia), deceduta il 15 ottobre 2020. Da quel momento dirige l’ente Antonino Spirlì, già vice di Santelli. Fra un mese i calabresi potranno scegliere il nuovo – o la nuova – Presidente, a seguito di vari rinvii della sessione elettorale dovuti alla pandemia di Covid. Un recente sondaggio dà il Centrodestra al 39% e il Centrosinistra al 37% ma si tratta di dati al momento molto mutevoli. Queste elezioni hanno un esito molto incerto e costituiscono davvero una corsa all’ultimo voto per i candidati.

Calabria, Occhiuto e De Magistris

Sono quattro i candidati in lizza oggi. Roberto Occhiuto (primo a destra nella foto), che Forza Italia ha designato e poi confermato lo scorso mese di giugno. Oltre a Forza Italia, lo sostengono Fratelli d’Italia, Lega, Noi con l’Italia, Udc, Coraggio Italia e le liste civiche Forza Azzurri e Occhiuto Presidente. L’aspirante Governatore è in ticket con il presidente facente funzioni uscente Antonino Spirlì. C’è quindi Luigi de Magistris (secondo da sinistra nella foto), sindaco di Napoli uscente e già sostituto procuratore alla procura di Catanzaro. Ha annunciato la sua candidatura a presidente della Regione il 19 gennaio scorso. Lo appoggiano DemA, le liste De Magistris Presidente, Uniti con de Magistris, Per la Calabria con de Magistris, Calabria Resistente e Solidale. Ha anche il sostegno del celebre ex sindaco di Riace, Mimmo Lucano, con la lista Un’altra Calabria è possibile. Infine ci saranno le associazioni LiberaMente Progressisti e Primavera Calabria che però non diventeranno liste.

Amalia Bruni e l’ex Presidente Oliverio

Dopo il passo indietro di Maria Antonietta Ventura il Pd e il Movimento Cinque Stelle puntano tutto su Amalia Bruni(seconda da destra nella foto). A sostenere a candidata del Centrosinistra ci sono anche Articolo Uno, Centro Democratico, Psi, Europa Verde, Repubblicani Europei, Democrazia Solidale. Fra le liste civiche pro-Bruni, Io resto in Calabria, A testa alta e Calabria civica. La candidata ha ricevuto anche il sostegno del Partito Animalista Italiano. La sua lista personale è La Calabria SiCura – Amalia Bruni Presidente. L’ex presidente della Calabria Mario Oliverio (2014-2020, primo a sinistra nella foto) ha annunciato il 16 agosto la sua candidatura, facendo tramontare l’ipotesi di un sostegno a Luigi de Magistris. Lo sostengono la lista Oliverio Presidente e il movimento Identità calabrese.

LEGGI ANCHE: Elezioni suppletive a Siena, Enrico Letta si gioca tutto e mette da parte il simbolo del Pd

 

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button
Privacy