Cinema

Auguri Serena Rossi, da Mina Settembre a Madrina di Venezia 78

Alla vigilia della 78a Mostra del Cinema italiano, l'amata interprete campana compie gli anni

Ne ha fatta di strada Serena Rossi dall’indimenticabile Carmen in Un posto al sole. Chi la segue fin dagli inizi della sua carriera non può fare a meno di ricordarla nei panni dell’aspirante cantante partenopea, divenuta nel corso degli episodi, uno dei personaggi di punta della prima soap nostrana. Dal 2003 al 2010 ne ha rivestito i panni e i telespettatori l’hanno pian piano fatta entrare nelle proprie case, decretandone il – meritato – successo.

E ora, di motivi per festeggiare ne ha molteplici, due in particolare nella giornata di oggi 31 agosto: oltre a celebrare il proprio compleanno, infatti, Serena Rossi viene presentata proprio oggi nell’atteso ruolo di Madrina della 78a Mostra del Cinema di Venezia, che aprirà i battenti domani 1° settembre, ricevendo il “testimone” da Anna Foglietta. Attrice, cantante, conduttrice, Serena Rossi si è mostrata in molte versioni di sé, riuscendo nell’impresa di non deludere mai le aspettative. Non potevamo dunque non festeggiare insieme a lei, in un giorno così importante.

Serena Rossi: “Più si avvicina più mi emoziono

Proprio queste parole ha usato l’interprete partenopea, in un’intervista rilasciata qualche tempo fa. E, nella medesima chiacchierata rilasciata a la Repubblica, aveva anche raccontato di come il tutto fosse nato quasi per caso. “Una domenica mattina di aprile, cancellavo le mail, ho letto l’oggetto: ‘Barbera Venezia 2021‘, e dentro: ‘Serena avrei una proposta vorrebbe essere la Madrina?’ Quasi cado dal letto.” – aveva poi svelato l’artista dal sorriso contagioso.

Inutile girarci intorno: il 2021 è stato l’anno di Serena Rossi. A inaugurare la lunga sequenza di successi, infatti, è stata la fiction su Rai 1 Mina Settembre. Lo show, tra i primi a debuttare sul piccolo schermo dopo la pandemia, ha raccolto consensi generali. Nei panni di un’assistente sociale, dal carattere rassicurante ma deciso, dolce ma non stucchevole ha conquistato milioni di telespettatori che ora sono impazienti di assistere alla seconda stagione. Il 2021 ha rappresentato inoltre, per l’interprete campana, un ulteriore traguardo: è infatti la conduttrice di Canzone segreta, adattamento italiano del format francese  La Chanson Secrète. Non solo sul piccolo schermo, Serena Rossi torna al cinema ricoprendo ruolo di Elizabeth Gay nell’attesissimo Diabolik dei Manetti Bros., al cinema dal 16 dicembre, con Luca Marinelli, Miriam Leone e Valerio Mastandrea tra gli altri.

Serena Rossi e il suo sodalizio con la Mostra di Venezia

È stata dunque una scelta fortemente simbolica affidarle il ruolo di Madrina di Venezia 78. È stato proprio Lasciami andare di Stefano Mordini, che nel cast vedeva la presenza di Serena Rossi, a chiudere la scorsa edizione della Mostra. Già quattro anni prima, poi, era stata in Concorso nella Selezione Ufficiale con Ammore e Malavita, ricevendo tra i numerosi riconoscimenti due Premi Pasinetti per il Miglior Film e Migliori Attori. E, soprattutto, ha mostrato le sue doti canore con tanto di esibizione nella festa post-proiezione. Dal 1° all’11 settembre, il sodalizio apparirà su ogni red carpet divenendo il fil rouge della kermesse.

Serena farà l’attrice

Nonostante il successo conseguito davanti la macchina da presa, l’interprete napoletana ha ammesso che la recitazione non era la sua prima vera vocazione. In un’intervista sempre a la Repubblica, infatti, Serena Rossi ha rivelato di essere cresciuta nella musica: “La mia è stata un’educazione musicale in una famiglia cresciuta tra le note. Mio nonno materno scriveva canzoni napoletane, ha conosciuto mia nonna a un concorso musicale, hanno cresciuto così otto figli. Mia mamma è stata una delle prime disc jockey […] Mai avrei pensato di recitare.” La sua vita, tuttavia, ha assistito a una svolta inaspettata da giovanissima. All’età di 16 anni, infatti, arriva il primo ruolo da protagonista, per la tv in Rosafuria di Gianfranco Albano.

La sera prima del ciak ho detto ai miei ‘non vado, non mi posso inventare dalla mattina alla sera’, e loro: ‘ma se il regista con i capelli bianchi ha visto qualcosa in te, provaci’.”. Nonostante le titubanze iniziali, ha scelto di ‘buttarsi’: “La mattina mio papà mi porta in motorino tre ore prima della convocazione, per studiare il set. Al primo ciak mi vede incinta col pancione e gli prende un colpo.” – ma il panico lascia ben presto spazio a un’altra sensazione, decisamente più positiva, cadenzata dalle parole dello stesso regista. Come l’attrice ha ricordato, infatti, per tranquillizzare il padre:  “Albano gli dice: ‘Serena farà l’attrice“. E sì, Albano ci aveva visto lungo.

LEGGI ANCHE: Venezia 78, i film più attesi della Mostra: tra “Freaks Out” e Sorrentino c’è tanta Italia, ma non solo

 

Lorenzo Cosimi

Cinema e tv

Romano, dopo la laurea triennale in Dams presso l’Università degli Studi Roma Tre, si è poi specializzato in Media, comunicazione digitale e giornalismo alla Sapienza. Ha conseguito il titolo con lode, grazie a una tesi in Teorie del cinema e dell’audiovisivo sulle diverse modalità rappresentative di serial killer realmente esistiti. Appassionato di cinema, con una predilezione per l’horror nelle sue molteplici sfaccettature, è alla ricerca costante di film e serie tv da aggiungere all’interminabile lista dei “must”. Si dedica alla produzione seriale televisiva con incursioni sui social.

Back to top button
Privacy