"
CinemaPrimo piano

Venezia78, i vincitori della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica: da Audrey Diwan a Paolo Sorrentino

La regista francese vince il Leone d'Oro con "L'événement". Quello d'Argento va a "E' stata la mano di Dio"

Si è da poco conclusa Venezia78 ed è tempo di parlare solo dei vincitori. La 78esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica. Serena Rossi, la madrina del Festival; subito dopo aver attraversato il Red Carpet del Palazzo Cinema e raggiunto la Sala Grande della Mostra ha condotto la cerimonia di chiusura ricordando gli artisti afghani, le donne e tutti i talenti, italiani e internazionali che hanno sofferto per il Covid e per le restrizioni: “[…] È stata una Mostra gioiosa, sono stati giorni incredibili. Persone provenienti da tutte le parti del mondo a parlare di cinema. Le sale sempre piene. Ci siamo ritrovati”. La madrina ha così dato inizio all’ultima serata del Festival del Cinema, proseguendo con uno dei momenti più attesi della serata.

Nella splendida cornice della Mostra Internazionale d’Are Cinematografica, l’Italia torna sul podio a Venezia78 con tre riconoscimenti. Paolo Sorrentino vince il Gran premio della giuria per il suo È stata la mano di Dio: “Qualcuno un po’ antipatico mi dice perché fai un altro film con Toni Servillo. Ora gli posso dire guardate dove sono arrivato a fare film con Toni Servillo. Devo ringraziare quelli che mi hanno accolto da ragazzo, Umberto Contarello e Antonio Capuano, il mio grande amico Nicola Giuliano” ha aggiunto commosso il regista che non ha dimenticato di rivolgere il suo pensiero, anche e come di consuetudine, a Diego Armando Maradona.

Paolo Sorrentino Venezia78
Photo Credits: Teresa Comberiati

Venezia 78: gli italiani vincitori e il Leone d’Oro a Audrey Diwan

Tra i vincitori di Venezia78 il regista Frammartino premiato per Il buco e Filippo Scotti, conquistandosi il premio Mastroianni come attore emergente. Un podio italiano, che vede la regista francese Audrey Diwan sollevare il Leone d’oro. Il primo premio della 78esima edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica è stato assegnato dalla giuria presieduta da Bong Joon Ho e composta da Saverio Costanzo, Virginie Efira, Cynthia Erivo, Sarah Gadon, Alexander Nanau e Chloé Zhao alla regista per il film L’événement. La pellicola affronta il delicato tema dell’aborto clandestino del 1963. Periodo in cui l’interruzione della gravidanza era illegale: “Abbiamo veramente amato questo film ed è stata una decisione unanime” – ha spiegato il presidente della giuria Bong Joon Ho mentre la regista vincitrice in lacrime ha raccontato di aver fatto il film con cuore, viscere e testa.

Audrey Diwan Frammartino Filippo Scotti
Photo Credits: Teresa Comberiati

Penélope Cruz Coppa Volpi e tutti gli altri vincitori di Venezia78

L’attrice spagnola era in concorso con i film Madres paralelas di Pedro Almodóvar e la commedia dei registi argentini Competencia oficial. Ma è interpretando Janis, un personaggio perfettamente cucito addosso a lei nella pellicola dell’amico e regista spagonolo, Pedro Almodovar, ad aver ricevuto la Coppa Volpi. La pellicola racconta di una madre single il cui destino è intrecciato a quello di un’adolescente che ha partorito nello stesso giorno e nello stesso ospedale.

“Voglio dedicare il premio a mio marito che è qui, alle mie figlie e a due madri parallele, mia mamma e mia suocera. A Pilar Bardem che ha fatto tanto per le attrici di tutto il mondo. Le sue ultime parole sono state ti voglio bene e poi Coppa Volpi. Chissà come lo sapeva. Questo premio è per tutte le madri”.

Penélope Cruz
Photo Credits: Teresa Comberiati

Coppa Volpi per la miglior interpretazione maschile: John Arcilla per On the Job: The Missing 8

Miglior film della sezione OrizzontiPilgrims di Laurynas Bareiša

Miglior sceneggiatura: Maggie Gyllenhaal per The lost daughter

Premio Leone del futuro per la miglior opera primaImaculat di Monica Stan e George Chiper-Lillemark

LEGGI ANCHE: I Cinefanatici: Joker, l’anti-cinecomic che ha conquistato Venezia e riscritto le regole

Teresa Comberiati

Spettacolo, Tv & Cronaca Rosa
Calabrese, a vent’anni si trasferisce a Roma dove attualmente vive. Amante della fotografia quanto della scrittura, negli anni ha lavorato nel campo della comunicazione collaborando con diverse testate locali in qualità di fotografa e articolista durante la 71ª e 75ª Mostra Internazionale D’Arte Cinematografica. Ha già scritto il suo primo romanzo intitolato Il muscolo dell’anima. Colonna portante del blog di VelvetMAG dedicato alla cronaca rosa e alle celebrities www.velvetgossip.it
Segui Teresa su LinkedIn
Segui Teresa su Instagram
Back to top button
Privacy