"
NewsPoliticaPrimo piano

Draghi e la riforma del catasto, muro di Lega e Forza Italia: “No a nuove tasse sulla casa”

"Così si rischia di affossare la ripresa economica del prossimo anno" sostengono. Ma il premier vuole una svolta in Cdm su tutta la materia fiscale: si metterebbero a rischio i fondi del Recovery che Bruxelles deve inviare

Il Governo Draghi potrebbe presto riformare il catasto. Lo scopo? Rivalutare le rendite e dunque imporre una più alta tassazione sulle seconde case. Un’ipotesi ancora tutta da valutare ma che si sta facendo strada nei corridoi di Palazzo Chigi. Il tema della riforma del catasto è legato alle semplificazioni burocratico-amministrative e al calo dell’Irpef. Insomma, alla riforma complessiva del Fisco che Draghi vorrebbe portare in Consiglio dei ministri prima possibile, magari già in settimana. Lo impone la marcia a tappe forzate del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), base per ottenere tutte le tranches promesse dal Recovery plan europeo.

Draghi e il no alle tasse sugli immobili

Non è ancora sicuro però che la delega fiscale arrivi in Cdm a breve. Prima del varo dovrebbe tra l’altro essere oggetto di un dialogo tra l’esecutivo e i partiti della maggioranza. “Si rispetti la volontà del Parlamento. Attraverso la commissione Finanze si è espresso, pressoché all’unanimità, sul fatto di evitare la revisione del catasto, aumentando di fatto la tassazione sugli immobili”. Così il deputato di Forza Italia, Sestino Giacomoni, membro della presidenza del partito.

Il nodo dell’aumento delle bollette

Così come – dice ancora Giacomoni -, per quanto riguarda l’aumento delle bollette, troviamo insieme, in commissione, una soluzione. Forza Italia ha una sua proposta: niente Iva, a fronte di un aumento così sostanzioso delle bollette. Lo Stato abbia il coraggio di non imporre alcuna gabella“, conclude. Il riferimento è al paventato salasso, fino al 40% in più, di cui ha parlato il ministro per la Transizione ecologica del Governo Draghi, Roberto Cingolani. “Lo scorso trimestre la bolletta elettrica è aumentata del 20%, il prossimo trimestre aumenta del 40% – ha detto il ministro il 13 settembre a Genova – Queste cose vanno dette, abbiamo il dovere di affrontarle“.

Le tasse sulla casa e la ripresa

Per quanto riguarda la semplificazione fiscale, come M5S stiamo facendo una battaglia importante sull’Irap, per abbassare le tasse e supportare le imprese“. Lo ha affermato Alessandra Todde, viceministra per lo Sviluppo economico. Dalla Lega, però, insistono sul punto della ristrutturazione del fiscale. “Le ipotesi di riforma del catasto avanzate dalla stampa vedono la Lega assolutamente contraria” dice Alberto Bagnai, responsabile economico del patito di Matteo Salvini. “La casa in Italia è già super tassata. Non possiamo permetterci che un altro aumento delle tasse stronchi la ripresa nel 2022, ripetendo l’errore fatto nel 2012 con l’Imu“.

LEGGI ANCHE: Mario Draghi, l’uomo che fa quello che dice. Oltre due terzi degli italiani approvano il suo operato

Domenico Coviello

Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze, come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione Internet de “La Nazione”, “Il Giorno” e “Il Resto del Carlino”, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni, sempre su Internet, all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a “City”, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli – Corriere della Sera. Un passaggio alla “Gazzetta dello Sport” a Roma, e al desk del “Corriere Fiorentino”, il dorso toscano del “Corriere della Sera”, poi di nuovo su Internet per il sito di news “FirenzePost”. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma, e da qui l’approdo a “Velvet Mag”. Ha collaborato a “Vanity Fair”.
Back to top button
Privacy