"
NewsPolitica

Elezioni Comunali a Rimini, in vantaggio nei sondaggi il “Sadiq Khan della Riviera”

Jamil Sadegholvaad, italoiraniano e riminese doc, punta a ereditare l'elettorato del sindaco uscente del Pd, Andrea Gnassi. Ma il candidato del Centrodestra, Enzo Ceccarelli, lo tallona da vicino

Nel panorama degli oltre mille comuni al voto il 3 e 4 ottobre la scelta del sindaco di Rimini spicca per alcuni motivi. Gli elettori della città romagnola sono infatti chiamati a scegliere il successore del sindaco uscente, Andrea Gnassi (Pd) che ha governato per gli ultimi 10 anni. E in corsa per la vittoria c’è il suo assessore – anche lui al suo posto da 10 anni – Jamil Sadegholvaad, di origine iraniana.

Rimini, chi sono i candidati sindaco

Se Jamil Sadegholvaad (foto in alto) è sceso in campo per raccogliere l’eredità di Gnassi e rilanciare i progetti del Centrosinistra, Enzo Ceccarelli, sindaco di Bellaria fino al 2019, è il candidato dal Centrodestra. Gloria Lisi, ex vicesindaca di Gnassi, si è candidata a sorpresa, e adesso è in corsa con il sostegno di cinque liste civiche e del Movimento 5 stelle. Mario Erbetta, è candidato da Rinascita civica, mentre Sergio Valentini corre per Rimini in comune e Matteo Angelini è il candidato del Movimento 3V (la lista dei No-Vax).

Rimini Elezioni Comunali Ceccarelli2
Enzo Ceccarelli, candidato sindaco de Centrodestra a Rimini

I sondaggi indicano il ballottagio

Secondo un recente sondaggio elaborato dalla società specializzata BiDiMedia per conto di Citynews-RiminiToday è praticamente certo il secondo turno di ballottaggio. La situazione di sarebbe di sostanziale equilibrio tra Jamil Sadegholvaad (Centrosinistra) ed Enzo Ceccarelli (Centrodestra), ma con un lieve vantaggio del primo sul secondo. Risultato tutt’altro che trascurabile quello Gloria Lisi, al momento la preferita dai riminesi per il terzo posto.

Chi è Jamil Sadegholvaad

Il candidato del Centrosinistra a sindaco di Rimini, Jamil Sadegholvaad, qualcuno lo ha già ribattezzato il Sadiq Khan della Riviera, in omaggio al sindaco di Londra, britannico di origini pakistane, da quest’anno al suo secondo mandato. In realtà è molto conosciuto in città. È assessore uscente alla Sicurezza e Legalità, di padre iraniano e madre romagnola. Prima di essere stato per 10 anni assessore del sindaco Gnassi, aveva svolto un altro mandato in Provincia. Oltre che essere dipendente del negozio di tappeti persiani che la sua famiglia gestisce in città da oltre quarant’anni.

LEGGI ANCHE: Elezioni comunali a Napoli, Manfredi in vantaggio per il dopo De Magistris

Domenico Coviello

Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze, come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione Internet de “La Nazione”, “Il Giorno” e “Il Resto del Carlino”, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni, sempre su Internet, all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a “City”, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli – Corriere della Sera. Un passaggio alla “Gazzetta dello Sport” a Roma, e al desk del “Corriere Fiorentino”, il dorso toscano del “Corriere della Sera”, poi di nuovo su Internet per il sito di news “FirenzePost”. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma, e da qui l’approdo a “Velvet Mag”. Ha collaborato a “Vanity Fair”.
Back to top button
Privacy