"
CoronavirusPrimo piano

Anticorpi Covid: “A 6 mesi dal vaccino calano, ma proteggono ancora”

Primo studio del genere in Italia, all'ospedale Niguarda di Milano. In Piemonte, intanto, lettera a casa ai 158mila over 60 non vaccinati per convincerli ad assumere il siero anti Coronavirus

Una ricerca scientifica italiana ha analizzato l’efficacia degli anticorpi contro il Coronavirus e la durata nel tempo della protezione dall’infezione di Sars-CoV-2. I risultati dello studio giungono nelle ore in cui il ministro delle Politiche agricole, Stefano Patuanelli, è in isolamento. Lo ha comunicato lui stesso. L’esponente del Governo Draghi ha avuto un ‘contatto stretto’ con una persona positiva al Coronavirus.

Anticorpi, che succede col passare del tempo

Gli scienziati hanno raccolto i dati di 2.179 operatori dell’ospedale Niguarda di Milano, che hanno partecipato allo studio clinico Renaissance. Risulta che a sei mesi dal completamento del ciclo vaccinale, gli anticorpi continuano a essere presenti nei corpi dei vaccinati. Nonostante il calo fisiologico nel numero degli anticorpi stessi, solo lo 0,4% dei vaccinati ha contratto il virus. Di questi 9 su 10 in modo asintomatico. Si tratta del primo studio del genere avviato in Italia e uno tra i più ampi europei in termini di casistica, spiega una nota del Niguarda. I partecipanti hanno completato il ciclo vaccinale tra gennaio e febbraio 2021, con vaccino Comirnaty di Pfizer/BioNTech.

Le risposte dei vaccinati

Con le prime due analisi, cioè dopo 14 giorni e 3 mesi dalla vaccinazione, avevamo osservato una risposta anticorpale in circa il 99% dei vaccinati, ha commentato Francesco Scaglione, direttore del laboratorio di Analisi chimiche e Microbiologia del Niguarda. Gli studi sierologici a distanza di 6 mesi confermano che nella stessa percentuale vi è una buona presenza di anticorpi in circolo. Tra i pochi (1%) che invece non mostrano una risposta rilevabile vi sono anche soggetti con condizione clinica di immunodepressione. Nei 6 mesi il titolo anticorpale medio è naturalmente sceso, prosegue la ricerca. In particolare, la curva di riduzione è stata più netta e veloce nei primi 3 mesi (tra i 14 giorni e i 3 mesi il calo è stato di circa il 70%) e più lenta e graduale nel periodo successivo (circa il 45%). L’86% del campione studiato possiede comunque, a 6 mesi dalla vaccinazione, una buona protezione al virus.

Piemonte, lettera ai non vaccinati

Vaccinarsi resta in ogni caso il primo rimedio nella lotta alla pandemia. Le Regione Piemonte ha addirittura chiesto alle Asl di convocare i 158mila over 60 non ancora vaccinati. È l’indicazione emersa dalla riunione d ieri 27 settembre con l’Unità di crisi della, alla presenza del governatore Alberto Cirio. In sostanza, come ulteriore tentativo per convincere gli indecisi, la Regione ha dato indicazione alle Asl di competenza di inviare a ciascuno di loro una lettera a casa, con una prenotazione (data, ora e luogo) per essere vaccinati. Il tutto specificando che, pur non esistendo un obbligo, la vaccinazione rappresenta uno strumento di prevenzione fondamentale.

LEGGI ANCHE: Vaccino Covid, terza dose assieme all’antinfluenzale? Lazio pronto a partire

 

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button
Privacy